Featured Post

Il Nono Pianeta

Forse Nibiru esiste davvero: c'è un altro pianeta nel sistema solare

Tuesday, May 24, 2011

Black holes spinning faster than ever before


There is strong evidence that every galaxy has a black hole in its centre. These  have masses of between a million and a billion Suns and so are referred to as 'supermassive'. They cannot be seen directly, but material swirls around the black hole in a so-called  before its final demise. That material can become very hot and emit radiation including  that can be detected by space-based telescopes whilst associated  can be detected by telescopes on the ground.
As well as radiation, twin jets are often associated with black holes and their accretion disks. There are many factors that can cause these jets to be produced, but the spin of the  is believed to be important. However, there are conflicting predictions about how the spins of the black holes should be evolving and until now this evolution was not well understood.
Dr Martinez-Sansigre and Professor Rawlings compared  of spinning black holes with radio, optical and X-ray observations made using a variety of instruments and found that the theories can explain very well the population of  with jets.
Using the radio observations, the two astronomers were able to sample the population of black holes, deducing the spread of the power of the jets. By estimating how they acquire material (the accretion process) the two scientists could then infer how quickly these objects are spinning.
The observations also give information on how the spins of supermassive black holes have evolved. In the past, when the Universe was half its the present size, practically all of the supermassive black holes had very low spins, whereas nowadays a fraction of them have very high spins. So on average, supermassive black holes are spinning faster than ever before. 
This is the first time that the evolution of the spin of the supermassive black holes has been constrained and it suggests that those supermassive black holes that grow by swallowing matter will barely spin, while those that merge with other black holes will be left spinning rapidly. 

Commenting on the new results, Dr Martinez-Sansigre said: "The spin of black holes can tell you a lot about how they formed. Our results suggest that in recent times a large fraction of the most massive black holes have somehow spun up. A likely explanation is that they have merged with other black holes of similar mass, which is a truly spectacular event, and the end product of this merger is a faster spinning black hole."
Professor Rawlings adds: "Later this decade we hope to test our idea that these supermassive black holes have been set spinning relatively recently. Black hole mergers cause predictable distortions in space and time - so-called gravitational waves. With so many collisions, we expect there to be a cosmic background of gravitational waves, something that will change the timing of the pulses of radio waves that we detect from the remnants of massive stars known as pulsars.
If we are right, this timing change should be picked up by the Square Kilometre Array, the giant radio observatory due to start operating in 2019."
More information: The results are published in the paper, "Observational constraints on the spin of the most massive black holes from radio observations", Martinez-Sansigre A., Rawlings S., Monthly Notices of the Royal Astronomical Society. A preprint of the paper can be seen at http://arxiv.org/abs/1102.2228

Black holes spinning faster than ever before May 23, 2011


Thursday, May 19, 2011

Earth's Core Is Melting ... and Freezing


The inner core of Earth is simultaneously melting and freezing due to circulation of heat in the overlying rocky mantle, according to new research from the University of Leeds, UC San Diego and the Indian Institute of Technology.

The findings, published May 19Nature, could help us understand how the inner core formed and how the outer core acts as a 'geodynamo', which generates the planet's magnetic field.
"The origins of Earth's magnetic field remain a mystery to scientists," said study co-author Dr Jon Mound from the University of Leeds. "We can't go and collect samples from the centre of Earth, so we have to rely on surface measurements and computer models to tell us what's happening in the core."
"Our new model provides a fairly simple explanation to some of the measurements that have puzzled scientists for years. It suggests that the whole dynamics of Earth's core are in some way linked to plate tectonics, which isn't at all obvious from surface observations.
"If our model is verified it's a big step towards understanding how the inner core formed, which in turn helps us understand how the core generates the Earth's magnetic field."
Earth's inner core is a ball of solid iron about the size of our moon. This ball is surrounded by a highly dynamic outer core of a liquid iron-nickel alloy (and some other, lighter elements), a highly viscous mantle and a solid crust that forms the surface where we live.
Over billions of years, Earth has cooled from the inside out causing the molten iron core to partly freeze and solidify. The inner core has subsequently been growing at the rate of around 1mm a year as iron crystals freeze and form a solid mass.
The heat given off as the core cools flows from the core to the mantle to Earth's crust through a process known as convection. Like a pan of water boiling on a stove, convection currents move warm mantle to the surface and send cool mantle back to the core. This escaping heat powers the geodynamo and coupled with the spinning of Earth generates the magnetic field.
Scientists have recently begun to realise that the inner core may be melting as well as freezing, but there has been much debate about how this is possible when overall the deep Earth is cooling. Now the research team believes they have solved the mystery.
Using a computer model of convection in the outer core, together with seismology data, they show that heat flow at the core-mantle boundary varies depending on the structure of the overlying mantle. In some regions, this variation is large enough to force heat from the mantle back into the core, causing localised melting.
The model shows that beneath the seismically active regions around the Pacific 'Ring of Fire', where tectonic plates are undergoing subduction, the cold remnants of oceanic plates at the bottom of the mantle draw a lot of heat from the core. This extra mantle cooling generates down-streams of cold material that cross the outer core and freeze onto the inner core.
Conversely, in two large regions under Africa and the Pacific where the lowermost mantle is hotter than average, less heat flows out from the core. The outer core below these regions can become warm enough that it will start melting back the solid inner core.
Co-author Dr Binod Sreenivasan from the Indian Institute of Technology said: "If Earth's inner core is melting in places, it can make the dynamics near the inner core-outer core boundary more complex than previously thought.
"On the one hand, we have blobs of light material being constantly released from the boundary where pure iron crystallizes. On the other hand, melting would produce a layer of dense liquid above the boundary. Therefore, the blobs of light elements will rise through this layer before they stir the overlying outer core.
"Interestingly, not all dynamo models produce heat going into the inner core. So the possibility of inner core melting can also place a powerful constraint on the regime in which the Earth's dynamo operates."
Co-author Dr Sebastian Rost from the University of Leeds added: "The standard view has been that the inner core is freezing all over and growing out progressively, but it appears that there are regions where the core is actually melting. The net flow of heat from core to mantle ensures that there's still overall freezing of outer core material and it's still growing over time, but by no means is this a uniform process.
"Our model allows us to explain some seismic measurements which have shown that there is a dense layer of liquid surrounding the inner core. The localised melting theory could also explain other seismic observations, for example why seismic waves from earthquakes travel faster through some parts of the core than others."

Earth's Core Is Melting ... and Freezing May 18, 2011


Il Giorno del Giudizio è imminente e a Los Angeles

Los Angeles, ancora più di altre città americane, è tappezzata di cartelloni luminosi alti come edifici che annunciano il “Giorno del Giudizio” imminente per questo sabato, 21 maggio: “garantito dalla Bibbia”. La storia non è affatto nuova. Già nel 1994, lo stesso predicatore radiofonico sulle cui predizioni è basata questa data, Harold Camping, aveva previsto il famoso “rapture” per il 6 settembre. Il fatto che nessuna delle annunciate catastrofi sia mai accaduta, non ha affatto dissuaso Camping, tornato alla carica senza troppe giustificazioni. Anzi, il nostro è così sicuro da sentirsi di condividere online il suo metodo di calcolo per decifrare gli oscuri messaggi contenuti dalle sacre scritture: basta visitare WeCanKnow.com per rendersi conto di come un po’ di numerologia condita con molta paura possa ancora fare presa su masse che, evidentemente, hanno spesso bisogno di credere che qualche spada di Damocle o altro castigo divino stia per abbattersi sulle teste dei peccatori, risparmiando gli eletti.
In ogni caso, quello che più ci interessa in questa vicenda è il lato umano. Non tanto quello rappresentato da invasati tipo la ventinovenne Alison Warden, una delle principali forze motrici dietro ai billboards di Los Angeles, che da più di un anno ha appeso la sua esistenza quotidiana al filo dell’attesa di un evento che “non permette di pensare al futuro né di fare progetti individuali”. Piuttosto, nelle diramazioni che ha causato in termini di iniziativa (goliardica o imprenditoriale) negli Angelenos, geneticamente predisposti a vivere felicemente nel presente, irridendo la paura delle catastrofi (a cominciare dal famoso Big One, il terremoto che dovrebbe spazzare via l’intera città, sempre imminente già da qualche decade).
Sabato, dunque, sarà una data da segnare sui calendari “rave”: non si contano i “rapture party” organizzati in città da entrambe le fazioni, “credenti” e non. C’è chi spera e chi teme di venire portato via in quella data per ascendere ai cancelli del cielo e chi invece spera di arricchirsi su paure e speranze dei primi. Tra questi ultimi, in una città notoriamente affezionata ai suoi animali da compagnia (“pets”, che si tratti di cani, gatti, criceti, tartarughe, pappagalli o altre bestie con cui si condivida l’alloggio), ecco che alla “salvezza” dei fedelissimi lasciati indietro (forse?) dall’onnipotente dopo l’ascensione dei loro “padroni”provvederanno organizzazioni come After The Rapture Pet Care, Post Rapture Pet Care o Eternal Earth-Bound Pets. Per una modica tassa di pre-registrazione (dai 10 ai 135 dollari per animale) si può essere sicuri che Blakey, Meow o BunnyRabbit godranno di buona salute e cure anche nell’era del post giudizio universale.

Il Giorno del Giudizio è imminente e a Los Angeles i 'rapture party' non si contano 19 maggio 2011



Tuesday, May 10, 2011

11 MAGGIO/ Tsunami con onde fine a 170 metri: la “profezia” del blogger terrorizza Taiwan

La previsione di un blogger, che ha annunciato l’Apocalisse  per l’11 maggio, quando uno tsunami con onde fino a 170 metri investirà Taiwan, scatena il panico tra la popolazione.

Un violento tsunami distruggerà Taiwan. La sortita del sedicente profeta, tal Teacher Wang, è rimbalzata dal suo blog a tutta la rete scatenando il panico nella popolazione. «L'11 maggio – è il suo annuncio  - ci sarà un sisma che provocherà uno tsunami con onde alte 170 metri». Immediata la reazione di centinaia di persone che si sono fiondate a comprare dei container-rifugio. Secondo il fantomatico veggente, l’onda anomala sarà provocata da una terremoto di magnitudo 14 (quello che ha colpito il Giappone era di magnitudo 9…) la prossima settimana e il suo effetto sarà devastante. Sono almeno cento i container comprati e collocati a Puli, zona montagnosa nel centro del Paese. Il blogger, del resto, dava proprio un'indicazione del genere, sapendo bene, probabilmente, che è ancora fresca la paura per quanto avvenuto in Giappone.  

Ora il suo sito è stato chiuso, mentre la polizia sta indagando per risalire all’identità dell’autore dell’annuncio. Si presume che si tratti di qualcuno legato alla vendita di container, ognuno dei quali avrebbe un prezzo attorno ai 5.500 dollari. Il truffatore rischia fino a cinque anni di carcere e una multa di mille dollari. 

11 MAGGIO/ Tsunami con onde fine a 170 metri: la “profezia” del blogger terrorizza Taiwan 3 maggio 2011


Wednesday, May 4, 2011

Bendandi e il sisma dell'11 maggio a Roma

Undici maggio 2011, terremoto a Roma? La voce metropolitana si rincorre fra il popolo del web, e in molti casi la “profezia” viene attribuita al mitico Bendandi, sul quale è appena uscito il libro di Marco Palomba, dedicato a biografia e curiosità sulla figura dell’enigmatico “uomo dei terremoti”. Abbiamo intervistato l’autore, per chiedergli delucidazioni sulla fondatezza di questa “voce” di sciagura.
Palomba, insomma: è possibile attribuire questa “profezia” al Bendandi? 
“Raffaele Bendandi ha lasciato più di cento previsioni di terremoti, e molte di queste si sono puntualmente verificate. Tuttavia, tra le sue carte, non vi è traccia di una previsione riguardante la città di Roma. L’allineamento planetario dell’11 maggio 2011 è stato rinvenuto parzialmente bruciato dal fuoco in quanto pochi giorni dopo la sua morte, nel 1979, qualcuno è entrato nella sua casa laboratorio è ha distrutto molti documenti tra cui proprio quelli riguardanti il 2011 e il 2012″.

Quali i motivi per cui in molte sedi questa previsione è attribuita proprio a lui? 
“Tutta la vita di Bendandi è permeata di mistero. Sicuramente lo studioso aveva visto qualcosa di particolarmente grave per il 2011 e il 2012 tanto è vero che aveva scritto di suo pugno la frase “Distruggere nel fuoco” nella cartelletta che li conteneva. Poteva anche essere il sisma del Giappone (tra le sue carte c’è evidenziata la data dell’11 marzo) o quello della Birmania (anche la data del 23 marzo è riportata tra i suoi studi). Sicuramente non ci sono previsioni che vanno oltre il 2012 e questo ha probabilmente, ma siamo nel campo delle ipotesi, fanno nascere la psicosi da terremoto. E’ un allarme nato nella rete, tra i blog, di cui ripeto non vi è alcuna traccia ufficiale tra gli studi di Bendandi”.
Perchè, in generale, la figura del Bendandi ha ancora tanto fascino per l’opinione pubblica? 
Il fascino di Bendandi è nel suo carattere schivo, taciturno, per niente affabile e poco incline alla diplomazia. E’ stato un uomo dotato di straordinarie doti cognitive, un falegname autodidatta in grado di dialogare con gli scienziati più famosi della sua epoca. E’ stato osannato dai capi di stato stranieri, ringraziato pubblicamente dai politici di casa nostra, ma non ha mai ottenuto quello che lui ha sempre richiesto: un confronto sereno con la scienza ufficiale, la possibilità di spiegare la propria teoria e ricevere magari anche critiche, ma con l’obiettivo di sperimentare prima che di condannare.
Perchè secondo lei è tornato a far parlare di sè?
Un uomo così era destinato a lasciare un segno e oggi, dopo più di 30 anni di silenzio, la figura di Bendandi è tornata a far parlare di sé. Evidentemente , se i suoi calcoli sono oggi al vaglio degli scienziati di mezzo mondo, qualcosa di vero nelle sue intuizioni c’era. E questo lo rende unico.
Lei ci racconta i motivi per cui l’11 maggio potrebbe in effetti essere una “data critica” per il verificarsi di un matrimonio, secondo alcuni calcoli astronomici. Può brevemente spiegarci i motivi che fanno supporre che potrebbe verificarsi un sisma?
La teoria di Bendandi si basa sull’assunto che i pianeti insieme alla luna esercitano un’attrazione gravitazionale non solo sulle maree ma anche sulla crosta terrestre. Questo accade quando si trovano allineati sullo stesso asse ed è esattamente quello che accadrà “intorno ” all’11 maggio, per essere precisi tra l’11 e il 15. Ecco il motivo per cui si tratta di un periodo a rischio. Ma Bendandi andava oltre cercando di individuare, attraverso calcoli complicatissimi di cui solo lui era a conoscenza, l’esatto momento del sisma e l’esatto epicentro. Tutto questo , come abbiamo visto, manca tra i suoi incartamenti relativamente all’11 maggio, forse è stato distrutto e non sapremo mai la verità.

L'uomo dei terremoti: Bendandi e il sisma dell'11 maggio a Roma 04 maggio 2011


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...