Featured Post

Il Nono Pianeta

Forse Nibiru esiste davvero: c'è un altro pianeta nel sistema solare

Friday, December 23, 2011

21 dicembre 2012: In Honduras è iniziato il conto alla rovescia

TEGUCICALPA - A Copan Ruinas, in Honduras, nel cuore della cultura Maya centroamericana, è partito con riti e preghiere il conto alla rovescia per la profezia che, secondo le scritture dell’antica civiltà, si dovrebbe compiere il 21 dicembre 2012. Nello stato messicano del Chiapas, presso il sito archeologico di Izapa de Tapachula, è stato invece allestito un maxi-orologio digitale che segna le ore, i minuti e i secondi mancanti alla fatidica data, che secondo alcune interpretazioni delle scritture segnerà la fine del mondo, mentre per altre darà il via ad una nuova era. Armageddon o inizio di una nuova epoca che sia, quello che è certo è che la profezia Maya si annuncia per l’America Latina un grande business col quale gli amministratori puntano a proiettare i propri territori all’attenzione internazionale e fare buoni incassi con l’arrivo dei turisti. Messico, Belize, Guatemala, Honduras e El Salvador si sono infatti messi insieme per proporre al pubblico la “Strada del Mondo Maya”, un multi-destino sulle orme dell’antica civiltà. 
Non a caso alle celebrazioni di Copan Ruinas hanno partecipato il presidente Porfirio Lobo e un nutrito gruppo di ministri, anche per verificare lo stato dell’arte del programma di eventi messi a punto, in attesa di un flusso di arrivi che nel 2012 prevede il numero record di 300mila presenze. 
Anche in Messico, nel Chiapas, non si sono lasciati sfuggire la ghiotta occasione e i locali uffici di promozione del territorio hanno fatto allestire un grosso orologio digitale che ha già iniziato a scandire il tempo mancante. 
Del resto il sito archeologico di Izapa de Tapachula è uno dei più affascinanti e proprio la lettura e l’interpretazione di uno dei reperti che si trovano qui, il cosiddetto “Albero della vita”, ha contribuito ad arricchire le informazioni sulla profezia. Anche in questo caso, per accompagnare l’evento è stata allestita una cerimonia rituale, con “sacerdoti Maya”. E persino la remota isola cilena di Robinson Crusoe, l’unica abitata dell’arcipelago di Juan Fernandez, si sta preparando ad un flusso di turisti storico. Un misterioso monolite Maya alto 45 metri che raffigura una specie di serpente ed un giaguaro che guardano all’orizzonte, verso il sole, sarebbe la chiave della profezia. Proprio qui il re Maya Kam Balam, reincarnazione di tutte le divinità, dovrebbe risvegliarsi il 21 dicembre 2012 per essere testimone della morte dell’era classica.


Conto alla rovescia per la fine del mondo 23, Dicembre, 2011




Mexico Maya begin 2012 'end of era' countdown 21 December 2011




Christchurch: liquefazione del sottosuolo dopo una serie di forti terremoti


Nuova Zelanda - Continua l'attivita' sismica globale. Come gia' previsto dagli scienziati la citta' neozelandese di Christchurch e' stata scossa da una serie di forti terremoti nella giornata di Venerdi ,facendo vibrare duramente gli edifici e seminando il terrore tra la gente che si e' riversata in strada, fortunatamente non e' stato emesso alcun allarme tsunami e sembra che nessun danno di rilievo sia avvenuto.


Secondo fonti della polizia una persona e' rimasta ferita in un centro commerciale della citta' ed altre tre sono state salvate da una frana. Christchurch si sta ancora riprendendo dal devastante terremoto dello scorso febbraio che uccise 182 persone. Secondo i dati riportati dall' USGS il primo terremoto di magnitudo 5,8 e avvenuto a 26 km a Nord da Christchurch ad una profondita' di 4 km seguita dopo pochi minuti da una seconda scossa di assestamento di magnitudo 5,3, dopo circa un ora un terzo evento di magnitudo 5,8 ad appena 3 km di profondita' ipocentrale. Secondo altre fonti decine di persone sarebbero state ferite ed eventi di liquefazione del sottosuolo sono stati segnalati in piu' punti della citta' neozelandese.


Tremore planetario:Christchurch: liquefazione del sottosuolo dopo una serie di forti terremoti! 23 dicembre 2011


Wednesday, December 21, 2011

Filippine devastate dalla tempesta tropicale Washi

Tropical storm Washi, known locally in the Philippines as Sendong, has killed over 1000 people in the southern Philippine island of Mindanao, dumping over a foot of water onto mountains denuded by deforestation, sweeping away entire villages and flooding the cities of Cagayan de Oro and Iligan with devastating mudslides. “The latest tally showed a total of 1,002 people have been confirmed dead, including 650 in Cagayan de Oro and an additional 283 in nearby Iligan city, said Benito Ramos, head of the Civil Defense Office.” More than 33,000 people will spend Christmas and New Year’s in emergency shelters. Philippine President Benigno Aquino declared a ban on logging in February after torrential floods killed dozens but weak law enforcement and corruption makes it a recurring problem.” Washi is now poised to make landfall in Malaysia and threatens southern Thailand, already wracked by the costliest floods in the nation’s history, with further floods.

Tuesday, December 20, 2011

New Insight into the centre of the Milky Way

It sounds like the start of a bad joke: do you know about the bar in the center of the Milky Way Galaxy? Astronomers first recognized almost 80 years ago that the Milky Way Galaxy, around which the Sun and its planets orbit, is a huge spiral galaxy. This isn't obvious when you look at the band of starlight across the sky, because we are inside the galaxy: it's as if the Sun and solar system is a bug on the spoke of a bicycle wheel.
But in recent decades astronomers have suspected that the center of our galaxy has an elongated stellar structure, or bar, that is hidden by dust and gas from easy view.
Many spiral galaxies in the universe are known to exhibit such a bar through the central bulge, while other spiral galaxies are simple spirals.
And astronomers ask, why? In a recent paper Dr. Andrea Kunder, of Cerro Tololo Inter-American Observatory (CTIO) in northern Chile, and a team of colleagues have presented data that demonstrates how this bar is rotating.
As part of a larger study dubbed BRAVA, for Bulge Radial Velocity Assay, a team assembled by Dr. R. Michael Rich at UCLA measured the velocity of a large sample of old, red stars towards the galactic center (see image).
They did this by observing the spectra of these stars, called M giants, which allows the velocity of the star along our line of sight to be determined.
Over a period of 4 years almost 10,000 spectra were acquired with the CTIO Blanco 4-meter telescope, located in the Chilean Atacama desert, resulting in the largest homogeneous sample of radial velocities with which to study the core of the Milky Way.
Analyzing the stellar motions confirms that the bulge in the center of our galaxy appears to consist of a massive bar, with one end pointed almost in the direction of the Sun, which is rotating like a solid object.
Although our galaxy rotates much like a pinwheel, with the stars in the arms of the galaxy orbiting the center, the BRAVA study found that the rotation of the inner bar is cylindrical, like a toilet roll holder. This result is a large step forward in explaining the formation of the complicated central region of the Milky Way.
The full set of 10,000 spectra were compared with a computer simulation of how the bar formed from a pre-existing disk of stars. Dr. Juntai Shen of the Shanghai Observatory developed the model. The data fits the model extremely well, and suggests that before our bar existed, there was a massive disk of stars.
This is in contrast to the standard picture in which our galaxy's central region formed from the chaotic merger of gas clouds, very early in the history of the Universe.
The implication is that gas played a role, but appears to have largely organized into a massive rotating disk, that then turned into a bar due to the gravitational interactions of the stars.
The stellar spectra also allow the team to analyze the chemical composition of the stars. While all stars are composed primarily of hydrogen, with some helium, it is the trace of all the other elements in the periodic table, called "metals" by astronomers, that allow us to say something about the conditions under which the star formed.
The BRAVA team found that stars closest to the plane of the galaxy have a lower ratio of metals than stars farther from the plane. While this trend confirms standard views, the BRAVA data cover a significant area of the bulge that can be chemically fingerprinted.
By mapping how the metal content of stars varies throughout the Milky Way, star formation and evolution is deciphered, just as mapping carbon dioxide concentrations in different layers of Antarctic ice reveal ancient weather patterns.
The international team of astronomers on this project has made all of their data available to other astronomers so that additional analysis will be possible. They note that in the future it will be possible to measure more precise motions of these stars so that they can determine the true motion in space, not just the motion along our line of sight.
Read the preprint version of the research paper accepted for publication here.
Related LinksNOAOStellar Chemistry, The Universe And All Within It

Big quakes no more likely than in past: study

Massive earthquakes are no more likely today than they were a century ago, despite an apparent rise of the devastating temblors in recent years, US researchers said on Monday.
The deadly 9.0 earthquake this year in Japan, an 8.8 quake in Chile last year and the 2004 Sumatra-Andaman earthquake that registered 9.0 on the moment magnitude scale have raised alarm in some science and media circles that such events may be linked.
But researchers at the University of California went back over the world's earthquake records dating back to 1900 and found over time there was no statistically significant rise in the number of big quakes 7.0 and higher.
"One has to be careful, because humans have a tendency to see patterns in random sequences," lead author Peter Shearer of the UC Berkeley Department of Statistics told AFP.
"So what we wanted to do here was apply statistical tests to see whether you could say it wasn't just a random sequence of events," said Shearer, whose study appears in the Proceedings of the National Academy of Sciences.
"Those tests showed that you can't say that it is not random; that is, there is not a statistically significant degree of the clustering of events," he said.
Even though there is "a disproportionate number of very large 8.5 earthquakes between 1950 and 1965," there were uncommonly fewer of these during a much longer period afterward from 1965 to 2004.
And although there has been a more frequent rate of 8.0 and larger quakes since 2004, with the last five years in particular at a record high, "there have been rates nearly as high in the past," said the study.
The researchers also looked for any clues from the Earth's crust that could explain why or how big quakes might be linked.
"And the conclusion was no, there isn't a likely physical cause that would link for example a large earthquake in South America to one in Japan," Shearer told AFP.
"The events are just too far away for it to be very likely that there is a physical link between them."
Taken together, the two approaches "suggest that the global risk of large earthquakes is no higher today than it has been in the past," concluded the study.
The findings are in line with a study in Nature Geoscience earlier this year that found the regional hazard of larger earthquakes is increased after a main shock, but the global hazard is not.
That study countered an earlier 2009 paper in Nature that suggested seismic waves might have an effect on distant fault lines, potentially increasing the risk of earthquakes far away.

Spettacolare tornado a largo della Corsica


Un Appassionato fotografo era nel momento giusto al posto giusto quando ha fatto questi scatti mozzafiato di un tornado. Il tornado è stato avvistato al largo della costa della Francia, a Nizza presso l'isola della Corsica nel Mar Mediterraneo.


La tromba marina è un fenomeno tornadico, assimilabile alla tromba d'aria, che si sviluppa o si muove sulla superficie dell'acqua (un mare, una laguna o un lago). Il fenomeno si genera in presenza di una cella temporalesca e presenta in genere una minore intensità rispetto a quello terrestre per la maggiore instabilità della base, dovuta alla presenza dell'acqua. Esso ha in genere termine all'esaurirsi della cella stessa o nel momento in cui la tromba incontra un fronte di pioggia. Come i tornado, le trombe marine possono provocare danni, ma in genere l'entità è minore.

Il meccanismo di formazione di una tromba marina (o, in casi tutt'altro che rari, di più trombe marine contemporaneamente), è di norma più semplice di quello di un tornado, in quanto è sufficiente la presenza di un (cumulo congesto) e non di un cumulonembo in fase matura. La formazione di questi fenomeni deriva soprattutto dall'elevata temperatura della superficie marina, che può fornire notevole energia a sistemi nuvolosi in apparenza di scarsa consistenza portando al contrasto aria calda ascendente (marina) e aria fredda discendente (della perturbazione), dando quindi origine a moti vorticosi favoriti anche dall'assenza di corrugamenti ed ostacoli in mare. In questa situazione la forma della tromba d’aria sarà assottigliata, molto contorta e poco potente, ma tuttavia in grado di provocare danni significativi a persone o cose. Queste trombe marine sono tipiche dell'Italia e dell'Europa. Però capita ogni tanto che forti temporali a supercella si formino al largo e si spostino verso la terraferma. In queste circostanze, alla base della tempesta, si formano delle potenti trombe marine, dette "tornadiche". La loro genesi è identica a quella dei forti tornado mesociclonici e i loro effetti sono altrettanto devastanti per le zone costiere.

Spettacolare tornado in mare a largo della Corsica 20 Dicembre 2011


Tsunami di nuvole in Alabama

Per una mattinata il cielo sembrava il sogno di ogni surfista: Una serie di onde enormi che si infrangevano allineate l'orizzonte a Birmingham, in Alabama lo scorso Venerdì (16 dicembre).



Impressionanti foto di queste insolite formazioni nuvolose sono state scattate dagli abitanti dell'Alabama che le hanno mandate alla stazione meteo locale, chiedendo: "Cosa fossero questi tsunami nel cielo?" Gli esperti dicono che quelle formazioni nuvolose sono dei chiari esempi di "onde di Kelvin-Helmholtz."Questo tipo di turbolenze sono caratteristiche dei liquidi ed hanno origine quando c'e' un rapido movimento tra due liquidi,le Onde d'acqua, per esempio, si formano quando lo strato di fluido superiore (cioe' l'aria)  si muove più velocemente rispetto allo strato di liquido inferiore (cioè l'acqua). Quando la differenza tra il vento e la velocità dell'acqua aumenta fino a creare l'effetto onda e le loro creste vengono sbalzate in avanti. Secondo Chris Walcek, un meteorologo presso il Centro di Ricerca Atmospheric Sciences presso l'Università dello Stato di New York, Albany, in rapido movimento d'aria in alto nel cielo tra due diversi strati di nuvole puo' generare lo stesso effetto onda nel cielo.




Gigantesche nuvole-tsunami attraversano i cieli dell'Alabama! 20 dicembre 2011


Monday, December 19, 2011

Il villaggio dell'apocalisse


Tra i tanti effetti della “profezia dei Maya” ce ne è anche uno che sta incuriosendo tutto il mondo ed ha un’origine italiana: il villaggio dell’apocalisse.

Vivono blindati in una fortezza in un’antica località Maya dello Yucatan in attesa dell’Apocalisse che dovrebbe avere luogo, tra poco più di un anno: il 21 dicembre 2012.

Si tratta di 38 famiglie di persone facoltose italiane che sono entrate in un’associazione, “Quinta Essencia”, dalle forti connotazioni esoteriche. Sarebbe più corretto parlare di una setta, ma essendo illegali le sette religiose non ufficializzate in Messico, si autodefiniscono così.

L’associazione ha dato nome di Las Águilas al suo villaggio e ribattezzato dai media la nuova Arca di Noè, visto che sembrerebbe essere stata costruita per “resistere ai disastri naturali che dovrà affrontare il pianeta l’anno prossimo”.

La cittadina fortificata situata su un’area di 800 ettari in una zona chiamata Xul, tra Merida e Campeche, nel sud dello Yucatan, che, secondo gli antichi Maya, significa “la fine, finale, muore, limitare o alla fine”, per ciò molti ritengono che la struttura sia stata realizzata proprio per fronteggiare la fine del mondo.

L’insediamento è stato costruito in un ex ranch di bestiame a 7 km dalla città di abitata da 1.500 persone, lungo la strada per Yaxachén, nel comune di Oxkutzcab.

Tunnel e rifugi sotterranei con porte antipanico, negozi di alimentari, generatori di energia solare, un laboratorio e aree di coltivazione, oltre a villette con 20 camere ciascuna e muri spessi 60 centimetri. Ci sono voluti circa due anni per costruire il complesso che ha dato lavoro a molti dei 500 abitanti della vicina Xul. Sorpresi dalla stranezza delle costruzioni e dalla riservatezza dei proprietari della struttura, tanti hanno richiesto l’intervento delle autorità locali per una verifica sulla regolarità dell’operazione.

Ufficialmente, Quinta Essencia dovrebbe essere una comunità volta a ‘preservare l’equilibrio ecologico’ o a creare un resort molto esclusivo e elitario.

Invero, il villaggio è inespugnabile, un luogo nel quale nessuno (eccetto i membri della comunità) può accedere.

Così, vari sopralluoghi aerei (l’unico modo per vedere qualcosa) hanno evidenziato diverse strade che legano le villette fra di loro, un lago artificiale e una statua della dea greca Atena, che si trova proprio al centro del complesso circondato da arbusti e alberi rari, in via di estinzione.


MA COME E’ NATO IL PROGETTO?

La leggenda vuole che, una donna, un giorno, sognò un “essere di luce” che la invitava a costruire un luogo nuovo, vicino ad un piccolo villaggio dello Yucatan chiamato Xul, sulle colline, dentro la foresta, in un punto vicino a Kiuic, un antico insediamento Maya. Questa è la storia raccontata dalle persone che circondano il progetto.


LE TESTIMONIANZE

Secondo la gente del posto, le case degli italiani sarebbero in grado di sopportare anche i terremoti in quanto edificate con doppia parete, il che le fa apparire come una fortezza. Il nucleo centrale, inoltre, ha dimensioni più grandi.

L’architetto del progetto, Karina Pérez Valle, ha detto che nessuno è autorizzato ad entrare nel villaggio.

“Gli italiani non stanno pensando che ci sarà la fine del mondo, solo che ci saranno molti disastri naturali, temperature elevate, tra i 45 e i 50 gradi centigradi, inondazioni come quelle recentemente occorse a Nuevo León, motivo per cui stanno creando il loro spazio dove vivere e proteggersi”, Karina ha dichiarato ai giornali.
L’architetto ha aggiunto che uno psicologo ed un ricercatore di origine italiana sono i responsabili del progetto, ma che, attualmente, si trovano a Veracruz in “totale meditazione” per un po’ per poi tornare nella nuova casa nei prossimi mesi.


CONCLUSIONI

Il villaggio dell’Apocalisse è una realtà oscura che, sicuramente, racchiude aspetti esoterici ma, molti sostengono anche che ci possa essere la collusione di importanti politici italiani, il che potrebbe suggerire interprestazioni molto diverse ai fatti.

Limitandoci, però, al poco che se ne sa, è interessante vedere come un fenomeno socioculturale, quale deve essere considerata la così detta profezia del 2012, si stia declinando nei modi più diversi dando vita a comunità, business, leggende, inedite forme di socializzazione…

La "Quinta Essencia" ed il villaggio dell'apocalisse 19 dicembre 2011


Equinozio a Chichén Itzá


Video che spiega che appare come l'equinozio a Chichén Itzá. Audio in spagnolo sottotitolato in italiano. Prodotto da Jose Antonio Ariztegui
Equinozio a Chichén Itzá 19 Dicembre 2011

Saturday, December 17, 2011

Quelli che credono alle profezie Maya sul 2012


"La prima cosa che faccio quando mi alzo è controllare il sito web Geological Survey degli Stati Uniti per i terremoti e i vulcani. Poi controllo gli osservatori e quindi il meteo dello spazio”. Questo è il rituale che negli ultimi anni segue ogni mattina Lonny Sundvall, un 49enne dell’Oregon, negli Stati Uniti, che fa parte della comunità sempre più numerosa di persone che credono all’antica profezia Maya secondo cui nel 2012 ci saranno una serie di eventi catastrofici che cambieranno per sempre la vita sulla Terra. "Le stagioni – dice Sundvall - sono sempre più irregolari. Gli uccelli migratori volano a quote più basse. I cervi si stanno comportando in modo diverso”. 

Le previsioni apocalittiche legate al calendario Maya, che avranno il loro culmine nel dicembre 2012, non sono nuove: hanno già influenzato film, canzoni e libri. Ma visto che il nuovo anno si avvicina, l’interesse per le profezie sta crescendo di nuovo. Una delle prove è il seguito che ha uno dei principali siti che si occupa dell’argomento e propone articoli e video legati alla profezia Maya sul 2012, December212012.com. Il sito, creato sei anni fa dallo sviluppatore web John Kehne, ha registrato una crescita impressionante e ora vanta 5 milioni di pagine viste al mese da parte di visitatori provenienti da 76 Paesi del mondo.  

Kehne si autodefinisce un "astro-teologo" che ha appreso informazioni sulle profezie legate 2012 già alla fine degli 1990, quando ha letto un libro sulle antiche culture americane. A suo parere, le calamità naturali e i cambiamenti climatici sono i segni premonitori delle sciagure che avverranno, così come la crisi economica globale e la crescente secolarizzazione della società.  "Credo che ci sarà un grande cambiamento. Se potremo testimoniarlo qui sulla Terra o meno, ancora non lo sappiamo”, ha detto Kehne.

Fine del mondo, le dieci profezie a cui siamo sopravvissuti

Le teorie legate alle previsioni sul 2012 sono centinaia. La maggior parte sono legate alla fine del calendario Maya del Lungo Computo. Il calendario, che non viene utilizzato da più di mille anni, si basava su una serie di calcoli che contavano gli anni a partire da una data della creazione, che può risalire all’11 o al 13 agosto del 3114 a.C. Il Lungo Computo dovrebbe terminare, secondo le teorie che vanno per la maggiore, il 21 dicembre 2012

Naturalmente, tra gli esperti di cultura Maya, c’è anche chi precisa che il popolo precolombiano non ha mai fatto nessuna profezia apocalittica per quella data: "I Maya non hanno mai detto nulla sulla fine del mondo o su un possibile grande cambiamento nel mondo in quella data", ha osservato David Stuart, professore di arte e scrittura mesoamericana presso l'Università del Texas a Austin. "Il calendario non solo continua dopo quella data, ma va avanti per altri 70 ottilioni (10 alla 27esima potenza, ndr) di anni". A parere del docente, le previsioni apocalittiche provengono tutte per lo più da "interpretazioni New Age e misticiste riguardo ai calendari Maya, ma non si basano su studi archeologici e antropologici”.  

Apocalisse, eterna attesa per la profezia giusta

In ogni caso, che siano vere o meno le profezie, molte persone si stanno preparando. E c’è ovviamente anche chi prova a trarne profitto. Alcuni tour operator stanno vendendo pacchetti turistichi per fare le vacanze, nel dicembre 2012, proprio nelle terre dei Maya (Messico, Guatemala e Belize).Inoltre, lo stesso Kehne, ideatore di December212012.com, sul suo sito vende spazi pubblicitari e t-shirt. Ma le prospettive commerciali non gli impediscono di prendere sul serio le previsioni. Ha costruito una "camera delle 72 ore", un bunker sotterraneo di cemento, dove raccoglie cibo, acqua, denaro contante e fucili per accogliere sua moglie e i suoi due figli nel caso in cui si verifichi il peggio. "Io non ho paura. Guardo alla vita giorno per giorno”, dice Kehne, cattolico che va a Messa ogni domenica e prega “per avere la forza di affrontare qualunque cosa accada”.

Gli uomini che credono alle profezie Maya sul 2012 15 dic 2011


Islanda: registrati 1300 terremoti nel mese di Novembre


L'istituto di monitoraggio meteorologico e di geofisica islandese ha registrato circa 1300 scosse di terremoto nello scorso mese di Novembre. La maggior parte dei terremoti sono avvenuti sotto la calotta glaciale Mýrdalsjökull, che copre il vulcano Katla, e dal Húsmúli Hellisheiði su cui si trova l'azienda di distribuzione elettrica Reykjavík Energy, l'attività sismica sarebbe causata da pozzi geotermici. Una serie di terremoti minori sono avvenuti vicino al Hellisheiði  Lunedi notte di questa settimana. Circa 20 terremoti sono stati registrati dai sensori, il  più grande dei quali e' stato vicino a due punti della scala Richter. 

Islanda: registrati 1300 terremoti nel solo mese di Novembre 17 dicembre 2011


Sunday, December 11, 2011

Le visioni remote dei monaci tibetani e il 2012




Ci sarà un’intervento di poteri divini soprannaturali per evitare la distruzione di questo mondo. La nostra civiltà comprenderà che la frontiera della scienza si trova nella sfera della spiritualitá. Secondo i visionari remoti, la nostra terra è benedetta e la stanno salvando continuamente da ogni sorta di pericoli.La visione remota non è niente di nuovo nei monasteri tibetani. Per migliaia di anni la visione remota, così come altre attività spirituali, ha caratterizzato la cultura tibetana. Quello che alcuni turisti indiani hanno appreso nei monasteri tibetani sotto l’attuale dominio cinese è estremamente allarmante e affascinante allo stesso tempo. Secondo questi turisti, i visionari remoti stanno vedendo dei poteri mondiali in via di autodistruzione. Vedono anche che il mondo non verrà distrutto. Da adesso fino al 2012 i super poteri del mondo continueranno ad essere impegnati in guerre regionali. Il terrorismo e la guerra segreta saranno il problema principale.

Succederà qualcosa nella politica mondiale e questo accadrà intorno al 2010. In quel periodo i poteri mondiali minacceranno di distruggersi reciprocamente. Tra il 2010 e il 2012 tutto il mondo si polarizzerà e si preparerà per il giorno delle ultime condanne.Verranno attuate, con poco successo, dure manovre politiche e negoziati.

Nel 2012 il mondo inizierà ad affondare in una guerra nucleare distruttiva totale. In quel momento avverrà qualcosa di eclatante, dicono i monaci buddisti del Tibet. Interverranno poteri divini soprannaturali. Il destino del mondo non è l’autodistruzione in questo tempo. L’interpretazione scentifica delle dichiarazioni dei monaci rende evidente che i poteri extraterrestri osservano ogni passo del nostro cammino.Interverranno nel 2012 e salveranno il mondo dell’autodistruzione.

Quando è stato chiesto ai monaci riguardo ai recenti avvistamenti di ufo in India e Cina, essi hanno sorriso e hanno detto che i poteri divini tengono tutti sotto osservazione.L’umanità non può e non le sarà permesso di alterare il futuro in questo modo. Ogni essere umano, attraverso le proprie azioni compiute nella sua vita attuale, chiamate karma, può alterare le vite future, ma verrà posto un limite all’estremo. I monaci hanno riferito anche che dopo il 2012 la nostra attuale civiltà comprenderà che la frontiera finale della scienza e della tecnologia si trova nella sfera della spiritualità e non della fisica, né in quella chimica materiale. Dopo il 2012 le tecnologie prenderanno una piega diversa. La gente acquisirà l’essenza della spiritualità, la relazione tra corpo e Anima, la reincarnazione e il fatto che siamo collegati l’uno con l’altro e che tutti siamo parte di Dio. In India e Cina sono aumentati gli avvistamenti di ufo. Molti dicono che i governi cinese e indiano vengono contattati dagli extraterrestri.

Recentemente le attività degli ufo hanno interessato soprattutto paesi che hanno sviluppato capacità nucleari proprie. Quando è stato chiesto a questi monaci se questi extraterrestri si mostreranno nel 2012, la risposta di questi visionari è stata questa: “Loro si riveleranno in modo che nessuno di noi si spaventi. Lo faranno soltanto se sarà necessario”. Con il progredire della nostra scienza e tecnologia, siamo destinati a vederli e a interagire con loro in qualche modo. Secondo i visionari remoti, la nostra Terra è benedetta e viene salvata quotidianamente da ogni tipo di pericoli dei quali nemmeno noi siamo coscienti. Con il progresso della nostra tecnologia ci renderemo conto di come siamo stati salvati da forze esterne.


Tibet, ex monaco buddista si dà fuoco, è il 12esimo quest'anno


Un ex monaco buddista si è dato fuoco ieri nella regione autonoma del Tibet, il 12esimo tibetano a compiere questo gesto nel 2011 come forma estrema di protesta contro la Cina. Lo ha annunciato oggi da Washington il gruppo per i diritti civili International Campaign for Tibet, citando fonti dei tibetani in esilio.
Tenzin Phuntsog si è dato fuoco nella prefettura di Changdu, sull'altipiano dell'Himalaya. L'uomo è sopravvissuto ed è stato ricoverato in ospedale. Resoconti dell'episodio sono stati diffusi su social network tibetani e anche su Facebook, ha detto il gruppo.
Gli altri 11 tra monaci e suore - alcuni dei quali spretati - che si sono dati alle fiamme dal marzo scorso protestavano chiedendo il ritorno del Dalai Lama, il capo spirituale dei tibetani che si trova in esilio in India dal 1959, e la libertà del Tibet.
In almeno sei casi i protagonisti dell'estrema forma di protesta sono morti.
Un funzionario cinese ha detto a Reuters di non avere informazioni sull'ultimo episodio, mentre la polizia di Changdu non ha voluto fare commenti.
L'ex monaco proveniva dal monastero Karma, nella cittadina di Chamdo, ha reso noto International Campaign for Tibet citando una fonte. Altre fonti hanno riferito che il monastero è chiuso, dopo la presunta esplosione di una bomba nell'ottobre scorso.
La Cina governa su quella che viene ufficialmente considerata Regione autonoma del Tibet dagli anni 50.
Il Dalai Lama non ha condannato i roghi, ma ha detto che le condizioni disperate in cui vivono i tibetani sotto il rigido controllo cinese rappresentano un "genocidio culturale" e hanno portato alla serie di episodi.

Tibet, ex monaco buddista si dà fuoco, è il 12esimo quest'anno 2 dicembre 2011


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...