Featured Post

Il Nono Pianeta

Forse Nibiru esiste davvero: c'è un altro pianeta nel sistema solare

Saturday, December 29, 2012

Migliaia di pesci morti in Florida

Sarasota County, Florida - L'odore irritante dei pesci morti e l'acqua contaminata dalla presenza della marea rossa ha reso impossibile frequentare alcune spiagge della Florida questa settimana.Le Autorità hanno segnalato migliaia di pesci morti disseminati lungo la costa e sulle spiagge Pass di Manasota Sarasota County e Englewood Beach a Charlotte County. Le spiagge sono state trasformate in un tappeto di morte malodorante che hanno fatto allontanare i turisti che solitamente le frequentano.Le autorità sono al lavoro per rimuovere le carcasse degli animali affermando che una tossina sprigionata dalla eccezionale fioritura algale sia la causa di questi decessi. George Tatge, direttore dei parchi e delle attività ricreative per la contea di Sarasota, ha affermato: "Questo è un evento significativo". Ciò che rende questo evento più insolito è che la stragrande maggioranza dei pesci sono della stessa specie. Già nel mese di ottobre,una grande fioritura di alga rossa  nel sud-ovest della Florida secondo le autorità avrebbe ucciso sette tonnellate di pesce in due giorni lungo le spiagge di Sarasota County. 

Florida: migliaia di pesci morti invadono le spiagge 29 dicembre 2012


Sunday, December 23, 2012

PACHAKUTI El Nuevo Ciclo

Bolivia, 21 de diciembre de 2012 * Evo Morales, presidente de Bolivia en compañía de comunidades indígenas y demás autoridades del país, iniciaron la ceremonia por el cierre del ciclo del no-tiempo para recibir el nuevo ciclo denominado Pachakuti, "tiempo de equilibrio y armonía para la Madre Tierra", señala la convocatoria a la festividad.


La actividad comenzó con un acto para pedirle permiso a la Pacha Mama (Madre Tierra) para realizar los festejos.El evento se llevó a cabo en la Isla del Sol, ubicada en el Lago Titikaka, en la provincia Manco Kapac, del departamento de La Paz.



El inicio del Pachakuti coincide con el Solsticio de Verano. A la cita asisten personas de muchas partes del mundo.

Friday, December 21, 2012

Fine del mondo a Chicken Itza


L'Australia ha visto sorgere il sole per prima. E, almeno apparentemente, nulla è cambiato rispetto a ieri. "Sì, siamo tutti vivi!" la comunicazione è di quelle ufficiali, arriva dalla pagina facebook dell'agenzia per il turismo nazionale. Nell'immediata vigilia aveva fatto registrare un boom di contatti, un vero e proprio bombardamento di messaggi pieni di preoccupazione: ci sono sopravvissuti alla fine del mondo? A parte chi è deceduto per morte naturale o malattia, e nonostante le previsioni nefaste del primo ministro Jiulia Gillard, "sì, ci sono sopravvissuti".

Ansie, angoscie, ma anche grosse risate hanno accompagnato l'arrivo di questo fatidico 21 dicembre. Nei giorni scorsi è dovuta intervenire la Nasa, l'agenzia spaziale americana, contattata da migliaia di persone che chiedevano come comportarsi in caso di apocalisse. Su una pagine internet la Nasa rassicura i terrestri: il nostro pianeta ha sulle spalle oltre quattro miliardi di anni e gli scienziati rassicurano che non c'è nessuna minaccia per questo 2012.

In Messico, sui luoghi dei Maya Messico
Chichen Itza, uno dei siti archeologici più rappresentativi della cultura Maya nel sudest del Messico, si prepara a ricevere oggi tra i 15.000 ed i 20.000 visitatori, nel giorno che segna l'inizio di una nuova era nel calendario Maya. "Sarà un giorno di visite come un altro, con gli orari di sempre", afferma un portavoce dell'Istituto nazionale di antropologia e storia, precisando che non è prevista alcuna cerimonia particolare per la fine del ciclo di 5.200 anni interpretata da alcuni come una profezia di fine del mondo. Una grande affluenza di visitatori è prevista oggi anche negli altri siti archeologici del sudest del Messico, del Guatemala, del Salvador e dello Honduras.
Un cinese su 10 ci crede
Un cinese su dieci crede che entro oggi si verificherà la fine del mondo, secondo la televisione cinese CCTV. E moltissimi cercano una via d'uscita. Yang Zongfu, inventore della provincia dello Zhejiang che già ad agosto scorso presentò la sua "arca di Atlantide", una moderna arca di Noè all'interno della quale poter sopravvivere in caso di calamità naturali, ha fatto sapere di non essere stato in grado di rispondere adeguatamente alle richieste di tutti i potenziali compratori. Yang è riuscito a costruire 15 arche, che ha venduto ognuna a circa 5 milioni di yuan (oltre 500 mila euro) ma ha dovuto informare altre 11 persone che ne avevano fatto richiesta di non poterle accontentare. I compratori provengono da varie parti del paese, inclusa la capitale Pechino, e la provincia meridionale del Guangdong, anche se la maggior parte sono della provincia dello Shanxi, una delle più ricche del paese. "Tutti i compratori - ha detto Yang - hanno chiesto di poter mantenere l'anonimato, non vogliono che i vicini o gli amici lo vengano a sapere".

Nel frattempo sono arrivati a 1000 gli arresti dei membri della setta "Dio onnipotente" che nei giorni scorsi avevano diffuso voci allarmistiche sulla profezia dei Maya e sulla fine del mondo con volantini, messaggi e manifesti. Intanto un'azienda cinese che opera nel campo delle comunicazioni ha fatto sapere ai suoi impiegati concederà sei giorni di vacanza in occasione delle feste del prossimo capodanno cinese se "saremo ancora tutti vivi dopo il 21 dicembre 2012".

Profezia Maya: nulla è successo. Per la fine del mondo in migliaia a Chichen Itza. Ente turismo Australia: "Siamo vivi" 21/12/2012


Thursday, December 20, 2012

SHIFT OF THE AGES


The Shift of the Ages film is a true account of Mayan prophecy as depicted through the life and mission of Wandering Wolf, the Grand Elder of the Maya. Through his story, we gain a deep and powerful understanding of the momentous evolutionary shift currently underway in our cosmos.
Wandering Wolf shares his wisdom during the astounding journey from his humble beginnings as a poor, itinerant shoe-shine boy, to his exalted position of Itinerant Extraordinary Ambassador to the Indigenous Pueblos Maya, Xinca and Garifuna of Guatemala. The film reflects Wandering Wolf’s story and message in perfect accordance with the Cosmo-Vision of the Mayan Prophecies.
Wandering Wolf shares his desire to bring an accurate message of the Mayan Cosmo-Vision to the world. In order to clarify misconceptions about the Mayan prophecies, its culture and traditions – especially as it relates to the end date of 2012 – the film transitions between four major perspectives:
  1. Wandering Wolf’s desire and actions to deliver a powerful message to the world;
  2. The quest and struggle to unite the world according to his vision and the Cosmo Vision of the Mayan prophecies related to the dawning of a new age.
  3. A documentary on various views of the alleged 2012 end date.
  4. A powerful transformational experience highly relevant for our times.

As he travels throughout the world gathering people in the name of global unity, Wandering Wolf warns of dangers in the dark period of the Fifth Sun in which we currently live. Sharing his visions with other tribal and indigenous leaders, he passes to them an ancient Sacred Staff bequeathed by his ancestors. The Staff is the grand symbol of solidarity destined to unite nations and usher in the age of harmony, prosperity and peace to the earth. His message is one of hope and inspiration – - we must unite and change the way we live NOW.

Il mito della fine del mondo


La prossima fine del mondo arriverà nella primavera 2014. In una intervista a Libération, raccontata oggi da Le Matin, Luc Mary, storico e autore del libro “Il mito della fine del mondo, dall’antichità al 2012″ (Edizioni Track, 2009), sottolinea che l’Apocalisse di oggi è la 183sima previsione,registrata da lui, dopo la caduta dell’Impero Romano. L’ultima è stata nel 2008, quando gli astronomi avevano predetto che “l’apertura del mega acceleratore di particelle del Centro europeo di Fisica Nucleare (CERN) di Ginevra, avrebbe creato un enorme buco nero che avrebbe inghiottito la Terra”.


AVANTI IL PROSSIMO – May ha comunque previsto la prossima Grande Fine il 10 aprile 2014. Questo secondo i seguaci della Kabbalah (tradizione esoterica del giudaismo) che ha già individuato quel giorno come “la vendetta del diavolo”.

“La fine del mondo è esistita sin dall’inizio del mondo. È una permanenza storica. Dal punto di vista biblico, è anche un mito fondante dell’umanità. Come non ricordare i superstiti del Diluvio. La fine del mondo è strettamente legata alle religioni monoteiste, che hanno una concezione lineare del tempo, non ciclica, come è il caso, invece, della cultura Maya”. Mary desidera chiarire qui che mai i Maya non hanno profetizzato la fine del mondo, ma l’inizio di un nuovo ciclo. Nell’antichità stessa non si temeva l’Apocalisse, e gli dei per esempio del Pantheon greco erano parte stessa del mondo, e quindi non lo possono a loro volta distruggere.

MONO – “Per le religioni monoteiste, c’è Genesi e Giudizio Universale. Dio ha creato il mondo, Dio distruggerà lui. La paura della fine del mondo, è la paura della punizione divina” sostiene Mary. Alla domanda se c’è un nesso tra timore e fine, l’esperto francese sottolinea che “i periodi di crisi sono ovviamente favorevoli alla profezia apocalittica”. Per Mary queste credenze non coincidono con lo sviluppo della scienza e il declino della religione: “Dobbiamo ammettere che l’educazione alla scienza non è alla portata di tutti, almeno in quella di tanti profeti di sventura (…). L’astronomia ci ha insegnato che l’universo non è eterno. Il sole ha una fine. Una supernova può esplodere in un angolo la prossima settimana. In breve, l’universo è un ambiente ostile. La fine del mondo si è già verificata, c’è stata 65 milioni di anni fa, quando un asteroide caduto in Messico ha causato la scomparsa di oltre il 70% delle specie, tra cui i dinosauri”.
TRANQUILLI – In conclusione, lo storico ha previsto la reale fine. Alla domanda sulla data della vera fine del mondo replica: “Se parliamo della fine della Terra, non più tardi di cinque miliardi di anni, quando sarà invasa dal Sole. Se si parla della scomparsa dell’umanità, prima. Tra un miliardo di anni, ci saranno circa 100 gradi centigradi sulla Terra. Ma a quel punto, l’uomo potrebbe aver trovato un altro posto altrove nello spazio e i nostri discendenti potrebbero aver dimentica l’esistenza stessa della Terra”. Insomma c’è da star tranquilli. Almeno per noi. Anche se drammatizzare il futuro è un modo per esorcizzarlo. Anche se non si superano i cento gradi a dicembre.

Dopo il 21-12-2012: ecco la prossima fine del mondo 20/12/2012


Wednesday, December 19, 2012

21 dicembre 2012: l'evoluzione della coscienza planetaria






According to the Maya, the December 21, 2012 Sunrise marks the first time in 26,000 years that our Sun, on its ecliptic path, will be in conjunction with the intersection of the Milky Way at the Galactic Center. This alignment forms a cosmic cross, and is considered by the Maya to be an embodiment of the Tree of Life, a sacred tree that is remembered globally in all spiritual traditions.

The Maya also say that this alignment opens a portal that allows cosmic energies to flow through the earth, purifying her and all her inhabitants, and raising everything to a higher vibration. The Maya call this the beginning of the Fifth Sun or the next World Age. They say that this Fifth Sun will be dominated by the influx of Stellar energies, the element of Ether, and changes in the fabric of time.

However, like in all astrological phenomena, things don’t just happen, there is always a period of transition before and after an occurrence. And in this case the lead-time has been building for approximately 25 years and creating a subtle, though powerful, shift in our consciousness and vibration. There have been many Planetary Configurations during those 25 years that have helped this shift to develop. However, since this article is limited in scope, I have selected a few that are either occurring now or will be occurring in the near future, which may help you to understand what’s going on.

The New and Full Moons are extremely important, as they give us a huge download of Stellar energy every month that helps initiate us into this shift. In the last few months, their themes have worked with releasing duality and our old emotional patterns, while helping us to move forward by offering new perceptions of reality. In February 2012, Neptune moved into Pisces (the sign that it rules) and will be there for the next fourteen years. From this we should expect to see the advancement of spiritual awareness, providing more peace in the world, along with many of us developing clairvoyant faculties.

Although Pluto/Uranus remain square to each other until 2015, this year they formed two exact squares on June 24th and September 19th. Squares denote tension and challenge, and this configuration is bringing up our core issues to be healed. Pluto is the planet that tears everything down first, and then builds something new from its ashes of destruction. Uranus is a planet that needs unbridled freedom to initiate the new. Together, Pluto and Uranus are associated with cultural upheaval and change. It’s a time to know how you want to transform your life to move forward. The main message here is go with the flow and don’t get caught in the undertow. In this way we can ride the wave instead of feeling submerged in fear or resistance.

An Extremely Rare Mutual Reception between Saturn in Scorpio and Pluto in Capricorn forms when Saturn enters Scorpio on October 5th and continues until Christmas Eve 2014. A Mutual Reception means that two planets are in each other’s ruling signs, which indicates challenge that must be overcome before success is accomplished. The challenge denoted here focuses on power struggles between people and government to gain authority, and further unrest in the global economy. However, once these energies are balanced, there is the promise of reorganization of financial structures and government that serves humanity instead of serving itself.

And finally on Winter Solstice 2012 we have an astrological configuration called a Yod, or sometimes named “The Finger of God or Destiny.” A Yod is comprised of two quincunxes (difficult & awkward aspects) and a sextile (easy flowing aspect), however in a Yod, the difficulties of the quincunxes are transformed into something special. In this case, the Exact configuration of Dec. 21st, 2012 has Pluto at 9 degrees Capricorn and Saturn at 9 degrees Scorpio sextile to each other, while both are quincunx to Jupiter at 9 degrees Gemini. Jupiter is the Apex planet or focal point for these energies.

Generally speaking, a Yod entails a choice of two roads, yet not knowing where either one will take you. Following instinct, we simply find ourselves veering off onto another path and changing the course of our lives. Although undefined, the new direction has actually been gathering strength for many years. And after activating the Yod, you soon realize that you have a hidden knowledge of how to proceed and be successful. So it looks like humanity will be able to act on transforming and restructuring its philosophy of life and move forward in a new direction. Coupled with the Pluto/Saturn mutual reception, the Yod of 2012’s Winter Solstice alludes to a time when we have the power to regenerate ourselves and the world from unrest and chaos through discipline and hard work, while we learn to look at situations realistically, release our fears and dogmatic attitudes, and move toward new opportunities. This reflects the Mayan prophecy of a time for awakening and moving into a higher state of consciousness.

Although the Sun’s conjunction with our Galactic Center has been widely publicized, most do not know that the Mayan elders and day keepers also say that on the Winter Solstice 2012, our Sun will be in exact alignment with the Center of the Universe. Agreeing with the ancient Vedic seers, the Maya feel there exists a massive energetic network that travels throughout the universe and transforms every 13,000 years. Although, masculine Solar rays from our Sun, and feminine rays from our Galaxy’s Core are our primary connections to this network, we also receive neutral rays from the Universe via our Galaxy’s Center. According to the Maya, this is a time of transformation for this stellar network.

These ideas are also supported by the decrease of both the Earth’s magnetic shielding and our Sun’s Solar Wind, an idea that is reflected in NASA’s 2008 report on the increase of “Space Weather” due to the instability of the Earth’s magnetic shield. NASA also states that the solar windshield that protects us from stellar radiation has been decreasing since the 1990’s. As a result of these phenomena NASA warned that we should expect much stronger geomagnetic storms in the future.

With the increase in Stellar Light coming to the Earth in the form of cosmic and galactic radiation, our planet’s vibrations are moving into a higher frequency, thus catalyzing an evolutionary shift with all life on Earth. So what are these evolutionary implications? With the element of Ether (Spirit) coming into focus during the Fifth Sun, there will be an upliftment of everyone’s energy, enabling us to transform darkness into Light. As this shift inevitably raises your consciousness, you will learn to live life, as Spirit, without separation between the two, become closer to nature, become sustainable in all facets of your life, and change your perceptions, allowing you to see the sacredness of all life. Releasing emotional conflict will also become a priority, as well as, taking full responsibility for all of our actions and non-actions. As we change, we will become more Heart Centered, learn from a place of joy, release the drama from our life experience, and feel unconditional love, compassion and forgiveness for ourselves and humanity.


And we will also sense a dimensional shift of time and space. Although material form will still persist, our rigid belief system of linear time will be transformed to living in the present moment. Here, our conditional perceptions, judgments and reactions will shift to a more enlightened approach, by becoming an observer of life, instead of being emotionally attached to our dramas with people, situations and events. We will achieve a sense of ease, wondrous possibility and positive thinking. As our higher consciousness develops we will also choose to respond to our environment, instead of reacting to it. By allowing the new Light frequencies of this shift in consciousness to clear away your old emotional debris and thought patterns, you will be transformed into a new State of Being that will magnetize people, opportunities and circumstances that mirror your new perceptions.
About the Author
Barbara-Lynn Freed is the Founder and Facilitator of the Center for Transformational Studies where she helps people heal their core issues through her twenty-year old spiritual healing practice called Awakening the Heart!, and her Transformational Astrology readings, that focus on your Karmic challenges, evolutionary goals and your life’s true purpose. She also helps shamanic students connect with the spirits of nature through her three-year, cross-cultural, shamanic apprenticeship, called Resurrecting the Old Ways: Walking the Land & Honoring the Spirits in Right Relationship. Please visit her website for more information athttp://TransformationalStudies.com.
Sources:




MAYAN PROPHECY AND OUR SHIFT IN cONSCIOUSNESS 05 October 2012


Tuesday, December 18, 2012

Gli sciamani parlano della fine del calendario maya


Gli sciamani ed il calendario maya - parte 1 di TV-SOIS-ITALIA


"Dopo un fantastico viaggio in Messico e Guatemala, abbiamo pensato che nel paese del calendario Maya, dovessero trovarsi le risposte per il 2012... 


Gli sciamani che abbiamo incontrato, hanno accettato di rispondere a queste domande:
Cosa pensate possa accadere il 21 Dicembre 2012? Cosa significa per voi la fine del Calendario Maya? 

Ecco le loro risposte..."

Calorosamente a tutti e tutte in questo importante momento,
Anne Givaudan e Antoine Achram.



Quattro sciamani intervistati da Anne Givaudan:



- Narciso koqti ( Guatemala) è specialista della fine del calendario maya 2012



- Ricardo Cervantes è guardiano delle tradizioni olmeche e tolteche



- Puma e Carmen, guardiani delle tradizione Otomi

Puma è medico tradizionale e capo spirituale.

Carmen è portatrice del fuoco sacro e pratica la magia delle donne


Gli sciamani ed il calendario maya 16-12-2012

Saturday, December 15, 2012

Tempeste solari: picco previsto per il 2013



In attesa che il ciclo del sole arrivi al picco il prossimo anno, un team di studiosi britannici del Rutherford Appleton Laboratory, ha proposto di costruire una banca dati storica su Nature riguardo all'attività solare. 

La nostra stella segue un ciclo che dura 11 anni, cha ha un minimo ed un massimo solare. Quest'ultima fase è attesa per il 2013. Anche per questo, nel corso del 2012 ma anche lo scorso anno, si sono verificate espulsioni di massa coronale da record sulla superficie della stella. Da dicembre del 2009 l'attività del Sole ha iniziato ad aumentare, entrando pian piano nella sua fase di massimo solare, periodo in cui si verificano più spesso le eruzioni solari e i getti di massa coronale, che danno origine alle radiazioni che tanto temiamo.
Finora, le conseguenze per la Terra, per fortuna, sono state lievi. Le tempeste geomagnetiche provocate dalle particelle solari che viaggiano a grande velocità si sono scontrate con la nostra magnetosfera, erodendo gli strati più esterni del campo magnetico terrestre. Ma il rischio, alle estreme condizioni, sarebbe la fine della vita sul pianeta Terra. E al momento, secondo gli esperti, siamo del tutto impreparati. 
"Abbiamo bisogno di una migliore comprensione del rischio legato alla meteorologia spaziale e al suo impatto, e abbiamo bisogno di sviluppare queste conoscenza anche in fretta" ha detto Mike Hapgood, a capo del Ral Space.
Secondo gli esperti britannici, visto che le tempeste solari, come i terremoti sono difficili da prevedere, sarebbe comunque utile raccogliere dei dati statistici a partire dal nuovo ciclo caratterizzato da questa super-attività solare.
L'anno 2012 è iniziato con eruzioni record, a partire da quella del 24 gennaio, la più potente dal 2005, almeno fino a quel momento, passando per quelle registrate dall'SDO della Nasa a fine febbraio, per arrivare a quelle verificatesi durante la prima settimana di marzo, che hanno guadagnato un nuovo primato, raggiungendo un nuovo record dopo l'altro picco, avvenuto 7 anni fa.
Non si tratta di fenomeni inattesi. Sappiamo che avverranno, visto che il ciclo undecennale del sole si ripete. Ciò che non sappiamo e non possiamo prevedere sono le conseguenze, e il momento esatto in cui si verificheranno le eruzioni solari, con le conseguenti tempeste geomagnetiche.
La Nasa da tempo tiene d'occhio l'attività solare. Qualche anno fa uno studio condotto in collaborazione con gli esperti della National Academy of Sciences aveva evidenziato i potenziali rischi legati alle tempeste solari calcolando le possibilità che nel corso del 2012 sul Sole (e di riflesso sulla) Terra possa verificarsi una violenta tempesta.

Le sfere dell'apocalisse


Dei grossi palloni abitabili per sopravvivere alle catastrofi naturali, dai terremoti agli tsunami e, nel caso, il 21 dicembre, all'apocalisse della profezia Maya. Sono a prova di acqua, ghiaccio e fuoco assicura Liu Qiyan, l'inventore dei palloni anti-catastrofe, che vive in un villaggio poco fuori da Pechino. 

"Se immergi sott'acqua una pallina da ping-pong - spiega - anche a una profondità di 50 metri questa resisterà alla pressione. Per progettare le sfere ho usato lo stesso principio". Secondo questo produttore di mobili prestato alle invenzioni ogni sfera può contenere comodamente 30 persone che possono resistere anche per due mesi grazie allo spazio riservato alle stive di cibo, acqua e bombole d'ossigeno. 

Il signor Liu ha iniziato a lavorare alle sfere anti-apocalisse dopo lo tsunami nel sudest asiatico del 2004. Tanti anni di lavorazione per un costo di circa 50mila euro l'una. In tutto ne sono pronte sette. "Solo mia figlia mi sostiene. Tutti gli altri mi credono pazzo. Ma se l'apocalisse ci fosse davvero queste sfere potrebbero salvare molte vite umane".

Per realizzare queste case galleggianti a prova di tsunami ha usato i risparmi di una vita. E benché non ne abbia venduta neanche una, Liu è già al lavoro su una nuova generazione di sfere, con una struttura d'acciaio più resistente e una serie di gadget supplemtari.



Thursday, December 13, 2012

Why the World Didn’t End


Non ci sarà alcun armageddon. Di collisioni con giganteschi asteroidi neanche a parlarne. Nibiru e un’ipotetica inversione del campo magnetico terrestre sono solo frutto di fantasia o di speculazioni. Non solo, a detta della NASA, "non esistono basi fondate riguardo tali ipotesi", ma "non succederà niente di male alla Terra nel 2012. Il nostro pianeta se l’è cavata bene per 4 miliardi di anni, e tutti gli scienziati credibili nel mondo non conoscono alcuna minaccia relativa al 2012". Magari se ne riparlerà fra qualche miliardo di anni, quando il sole avrà sciolto tutti i ghiacciai, mari e oceani saranno prosciugati, la Terra diventerà inabitabile e la razza umana sarà estinta.
E allora che valore dare al 21 12 2012? Spiega la NASA: "Proprio come il calendario che avete sul muro della vostra cucina non smette di esistere dopo il 31 dicembre, il calendario Maya non finisce il 21 dicembre 2012. Questa data è la fine di un lungo periodo per i Maya ma poi – proprio come il vostro calendario - ricomincia il 1° gennaio – un altro lungo periodo ha inizio per il calendario Maya".
Come metterla con le tempeste solari che di recente si sono abbattute anche negli Stati Uniti? C’è da essere preoccupati o si tratta di fenomeni prevedibili e tenuti sostanzialmente sotto controllo? "L’attività solare ha un ciclo regolare il cui picco approssimativamente giunge ogni 11 anni. In prossimità i questi picchi, i brillantamenti solari possono causare interruzioni ai satelliti di comunicazione. Ma non ci sarebbero rischi associati al 2012".

Fine del mondo profezia Maya 2012 del 21 dicembre: nuovo video NASA per smentirla 13/12/2012


Saturday, December 8, 2012

Mayan apocalypse


Ahead of December 21, which marks the conclusion of the 5,125-year "Long Count" Mayan calendar, panic buying of candles and essentials has been reported in China and Russia, along with an explosion in sales of survival shelters in America. In France believers were preparing to converge on a mountain where they believe aliens will rescue them.
The precise manner of Armageddon remains vague, ranging from a catastrophic celestial collision between Earth and the mythical planet Nibiru, also known as Planet X, a disastrous crash with a comet, or the annihilation of civilisation by a giant solar storm.
In America Ron Hubbard, a manufacturer of hi-tech underground survival shelters, has seen his business explode.
"We've gone from one a month to one a day," he said. "I don't have an opinion on the Mayan calendar but, when astrophysicists come to me, buy my shelters and tell me to be prepared for solar flares, radiation, EMPs (electromagnetic pulses) ... I'm going underground on the 19th and coming out on the 23rd. It's just in case anybody's right."
In the French Pyrenees the mayor of Bugarach, population 179, has attempted to prevent pandemonium by banning UFO watchers and light aircraft from the flat topped mount Pic de Bugarach.
According to New Age lore it as an "alien garage" where extraterrestrials are waiting to abandon Earth, taking a lucky few humans with them.
Russia saw people in Omutninsk, in Kirov region, rushing to buy kerosene and supplies after a newspaper article, supposedly written by a Tibetan monk, confirmed the end of the world.
The city of Novokuznetsk faced a run on salt. In Barnaul, close to the Altai Mountains, panic-buyers snapped up all the torches and Thermos flasks.
Dmitry Medvedev, the Russian prime minister, even addressed the situation.
"I don't believe in the end of the world," before adding somewhat disconcertingly: "At least, not this year."
In China, which has no history of preoccupation with the end of the world, a wave of paranoia about the apocalypse can be traced to the 2009 Hollywood blockbuster "2012".
The film, starring John Cusack, was a smash hit in China, as viewers were seduced by a plot that saw the Chinese military building arks to save humanity.
Some in China are taking the prospect of Armageddon seriously with panic buying of candles reported in Sichuan province.
The source of the panic was traced to a post on Sina Weibo, China's version of Twitter, predicting that there will be three days of darkness when the apocalypse arrives.
One grocery store owner said: "At first, we had no idea why. But then we heard someone muttering about the continuous darkness."
Shanghai police said scam artists had been convincing pensioners to hand over savings in a last act of charity.
Meanwhile in Mexico, where the ancient Mayan civilisation flourished, the end time has been seen as an opportunity. The country has organised hundreds of Maya-themed events, and tourism is expected to have doubled this year.
Nasa has been aggressively seeking to dispel doomsday fears. It says there is no evidence Nibiru exists, and rumours it could be hiding behind the sun are unfounded.
"It can't hide behind the sun forever, and we would've seen it years ago," a Nasa scientist said.
The space agency also rejected apocalyptic theories about unusual alignments of the planets, or that the Earth's magnetic poles could suddenly "flip."
Conspiracy theorists contend that the space agency is involved in an elaborate cover up to prevent panic.
But David Morrison, an astronomer at Nasa, said: "At least once a week I get a message from a young person, as young as 11, who says they are ill and/or contemplating suicide because of the coming doomsday. I think it's evil for people to propagate rumours on the internet to frighten children."
Mayans themselves reject any notion that the world will end. Pedro Celestino Yac Noj, a Mayan sage, burned seeds and fruits to mark the end of the old calender at a ceremony in Cuba. He said: "The 21st is for giving thanks and gratitude and the 22nd welcomes the new cycle, a new dawn."

Mayan apocalypse: panic spreads as December 21 nears 07 Dec 2012


Wednesday, December 5, 2012

APOCALISSE MAYA Il Libro



Monday, December 3, 2012

Apocalisse Maya Panico in Russia


21 dicembre 2012, la presunta apocalisse Maya si avvicina e in Russia, come riportato dal New York Times è scoppiato il panico.  In un carcere femminile, al confine con la Cina, una autentica ‘psicosi di massa da fine del mondo’ ha costretto l’amministrazione del penitenziario a chiamare un sacerdote per tranquillizzare le detenute.
In una fabbrica ad est di Mosca i cittadini, in preda al panico, hanno rubato candele, cherosene e zucchero. In via Karl Marx a Chelyabinsk è invece in costruzione un enorme arco in stile Maya. Tre episodi che descrivono la psicosi di massa che sta coinvolgendo il popolo russo.
Il panico è così diffuso che la scorsa settimana il Governo russo è dovuto intervenire per porre fine alle voci su una fine del mondo imminente. Un Ministro ha affermato “posso dirvi con certezza che il mondo non finirà a dicembre”. A suo sostegno, per calmare la popolazione, sono intervenuti anche un alto funzionario della Chiesa ortodossa e molti rappresentati della Duma.
“Non si può parlare all’infinito della fine del mondo e lo dico come medico”. Sono le parole di Leonid Ogul, membro della commissione ambiente del Parlamento. “Ognuno ha un diverso sistema nervoso – prosegue Ogul –  e questo tipo di informazioni li colpisce in modo diverso. Alcune persone sono sensibili a informazioni negative”.
Ulan-Ude, capitale della regione Buryatiya, i cittadini, spaventanti, si stanno preparando ad un lungo periodo senza luce mettendo da parte cibo e candele seguendo le istruzioni di un monaco tibetano chiamato l’Oracolo di Shambhala.
La Russia però non è l’unico paese a dover affrontare questo problema. In Francia le autorità locali hanno deciso di bloccare l’accesso a Bugarach, montagna considerata sacra dalla dottrina New Age.
Il patriarca della Chiesa ortodossa ucraina ha recentemente rilasciato una dichiarazione assicurando ai fedeli che “il giorno del giudizio verrà di sicuro”.
In Yucatán – Messico – i funzionari locali stanno progettando un festival culturale Maya per il 21 dicembre e, per dimostrare che tutto andrà bene anche un follow-up nel 2013. Non resta che attendere.

Apocalisse Maya 21 dicembre 2012? Panico in Russia, interviene il Governo 3 dicembre 2012


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...