Featured Post

Il Nono Pianeta

Forse Nibiru esiste davvero: c'è un altro pianeta nel sistema solare

Saturday, March 21, 2015

RACING EXTINCTION La Scomparsa della Vita sulla Terra


Humanity has raced past four of the boundaries keeping it hospitable to life, and we're inching close to the remaining five, an Earth resilience strategist has found. According to Dr James Hansen, the world's leading scientist on climate issues, the planet is hurtling to a climatic point of no return.
A beached whale. Reuters

In a paper published in Science in January 2015, Johan Rockström argues that we've already screwed up with regards to climate change, extinction of species, addition of phosphorus and nitrogen to the world's ecosystems and deforestation.

We are well within the boundaries for ocean acidification and freshwater use meanwhile, but cutting it fine with regards to emission of poisonous aerosols and stratospheric ozone depletion.

"The planet has been our best friend by buffering our actions and showing its resilience," Rockström said. "But for the first time ever, we might shift the planet from friend to foe."

Rockström came up with the boundaries in 2007, and since then  the concentration of greenhouse gases in the atmosphere has risen to around 400 parts per million (the 'safe' boundary being 350 parts per million), risking high temperatures and sea levels, droughts and floods and other catastrophic climate problems.

The research echoes a recent debate over whether the Earth has moved from the Holocene epoch to a new one scientists are calling the Anthropocene, named after the substantial effect mankind has had on the Earth's crust.

Cambiamento climatico, perdita della biodiversità, deforestazione, alti livelli di azoto e ossigeno: sono questi i quattro confini che l’umanità ha superato. 


Non solo, ci stiamo avvicinando pericolosamente al superamento dei restanti cinque - consumo di acqua dolce, emissione di sostanze tossiche, distruzione dello strato di ozono, acidificazione degli oceani - ovvero alla scomparsa della vita sul pianeta


"Il pianeta è stato per lungo tempo il nostro migliore amico, tamponando le nostre (peggiori) azioni, mostrando la sua resilienza (capacità di recupero)", ha detto Rockström, "ma ormai abbiamo varcato la soglia oltre la quale il pianeta da amico si trasforma in nemico".

Umanità ha superato 4 dei 9 confini per la vita sulla Terra 18 marzo 2015 


I Limiti dello Sviluppo 40 anni dopo March 3, 2015

Rise In Sea Level Caused Extinction Of Earth's Oldest Sea Turtles Mar, 20, 2015

L’inquinamento minaccia gli abitanti dell’Amazzonia December 3, 2014

Under the Dome, il documentario censurato sull'inquinamento in Cina MARCH 3, 2015

"Smog Journeys" viaggio nell'inquinamento killer  JANUARY 23, 2015

GASLAND FEBRUARY 10, 2012

GUERRE ENERGETICHE: L'IMPERO DEL FRACKING DECEMBER 20, 2014

Nepal, mangiano grano al pesticida: famiglia sterminata MARCH 11, 2015

L'erbicida Roundup è cancerogeno MARCH 21, 2015



Dr James Hansen, the world's leading scientist on climate issues, is the author of Storms of My Grandchildren: The Truth About the Coming Climate Catastrophe and Our Last Chance to Save Humanity: the planet is hurtling to a climatic point of no return. Hansen - whose climate predictions have come to pass again and again, beginning in the 1980s when he first warned US Congress about global warming - is the single most credible voice on the subject worldwide.

He paints a devastating but all-too-realistic picture of what will happen if we continue to follow the course we're on. But he is also a hard-headed optimist, and shows that there is still time to take the urgent, strong action needed to save humanity.




The Davos oligarchs JANUARY 22, 2015




La stagione invernale 2014-2015 è stata la più calda dell'intera storia del nostro pianeta

Gli ultimissimi dati rilasciati dall'Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica Usa (Noaa) hanno rivelato che da dicembre 2014 alla fine di febbraio 2015 la temperatura media rilevata sulle acque e sulla terra è stata 0,79 gradi Celsius al di sopra della media del XX secolo. 

Lo scenario che ne consegue è tutt'altro che incoraggiante: l'emisfero Nord è sempre più tiepido.

Tra le aree che hanno registrato innalzamenti record delle temperature spiccano la Mongolia dell'est, la Siberia centrale e la parte occidentale degli Stati Uniti

Luoghi come la California hanno sofferto livelli di siccità senza precedenti. Secondo alcuni esperti, lo Stato ha a questo punto solamente un anno di riserve di acqua disponibili e le falde acquifere sotterranee stanno rapidamente sparendo


Unica zona ad aver sofferto un freddo inusuale la costa orientale dell'America, dove città come Boston sono state sommerse dalla neve (appena sotto i tre metri).


Ma l'effetto serra ed il surriscaldamento dell'atmosfera hanno fatto registrare anche altri record: febbraio è già stato il più caldo dal 1998, e il 2014 è stato l'anno più caldo in assoluto


E secondo un diverso studio sull'andamento delle temperature globali del "Goddard Institute" della Nasa, uno dei motivi delle temperature più alte della norma questo inverno dipenderebbe dalla nascente formazione di 'El Nino', un modello climatico per cui il calore della superficie delle acque dell'oceano Pacifico influenza il clima in tutto il mondo. 

Proprio El Nino sta aumentando le probabilità che il 2015 continui sul cammino del 2014, diventando a sua volta l'anno più caldo della storia.

L'inverno 2014-2015 è stato il più caldo della storia della Terra: battuto il record del 2007 20 marzo 2015




Death Valley is the driest and lowest valley in the United States those conditions add up to some extreme temperatures. On July 10, 1913, at the Furnace Creek weather station, thermometers recorded 134 degrees, the highest temperature ever measured

The average global temperature from December to February was 1.42 degrees Fahrenheit (0.79 degrees Celsius) higher than the 20th-century average of 53.8 degrees F (12.1 degrees C), according to a newly released report from the National Oceanic and Atmospheric Administration's (NOAA) National Climatic Data Center.


These stats make December 2014 to February 2015 the warmest winter since record keeping began in 1880, surpassing the previous record set in 2007 by 0.05 degrees F (0.03 degrees C). [The 8 Hottest Places on Earth]
Human-caused global warming, from emissions of greenhouse gases, is a major contributor to the continued rise in global temperatures, scientists have said.
"It's greenhouse gases that are responsible for the majority of the long-term trend," Gavin Schmidt, director of NASA's Goddard Institute for Space Studies in New York, said during a news conference in January, when the report on 2014 temperatures was released.
We just had the warmest winter on record, say scientists MARCH 22, 2015

The National Oceanic and Atmospheric Administration forecast predicts drought will persist or worsen in Arizona, California, Nevada, Oregon and western Colorado through June.


Drought to continue in West, forecasters predict March 22, 2015


Songhua River on Jan. 22, 2015, in Jilin, China

Currently, some 50 million or so Americans suffer from nasal allergies, but the number is going up, and researchers from the Max Planck Institute for Chemistry in Germany say a pair of pollutants linked to climate change could be to blame. That’s according to a report in Science Daily.

The two gases are nitrogen dioxide and ground-level ozone, which appear to set off chemical changes in some airborne allergens, increasing their potency.

“Scientists have long suspected that air pollution and climate change are involved in the increasing prevalence of allergies worldwide,” said the institute’s Ulrich Pöschl. “Our research is just a starting point, but it does begin to suggest how chemical modifications in allergenic proteins occur and how they may affect allergenicity.”

Pöschl’s team found that ozone (a major component of smog) oxidizes an amino acid that sets off chemical reactions that ultimately alter an allergenic protein’s structure. Meanwhile, nitrogen dioxide (found in car exhausts) appears to alter the separation and binding capabilities of certain allergens.

Researchers believe that together, the two gases make allergens more likely to trigger the body’s immune response, especially in wet, humid and smoggy conditions.

IMAGE OF CHANGE


Il lago d'Aral, situato alla frontiera tra l'Uzbekistan e il Kazakistan, è stato il quarto lago più grande del mondo fino al 1960. La grande siccità del 2014 lo ha prosciugato quasi del tutto. 


Secoli, anni, ma anche soltanto mesi. La Terra cambia sempre più rapidamente, e le cause, purtroppo, nella maggior parte dei casi sono da ricercare nella mano dell'uomo. 


Questa serie di immagini a cura della Nasa ("Images of Change") mostrano gli effetti climatici, spesso estremi, innescati dalle azioni degli esseri umani



A worker clears away dead fish at a lake in Wuhan, central China's Hubei province


The collective of the world’s oceans may be on the verge of a wide-scale extinction event, according to a new study. Scientists from the University of California, Santa Barbara, (UCSB) warn that, if human activity continues on its current trajectory, we could be seeing a whole lot more sea animal deaths, and possibly collapses of entire oceanic ecosystems.
We have several additional decades to stop destroying the planet and save the oceans from becoming uninhabitable for many of the world’s sea creatures. But this is not an excuse to stall coming up with better management and conservation tactics.
“We’re lucky in many ways,” said Dr. Malin L. Pinsky, a marine biologist at Rutgers University and one of the authors of the new report. “The impacts are accelerating, but they’re not so bad we can’t reverse them.”
According to Dr. Douglas J. McCauley, one of Pinsky’s colleagues and lead author of the new study, the world’s oceans are still mostly intact, at least compared to the situation on land. If overfishing, excessive pollution and other harmful factors were to be dramatically cut back today, the oceans could almost completely revert back to what they were before humans started destroying them.
“I see this as a call for action to close the gap between conservation on land and in the sea,” commented Loren McClenachan from Colby College, who was not involved in the study, as quoted by The New York Times.
It’s important to note here that modern technological advances have made it significantly easier for humans to cause catastrophic damage to the world’s oceans, in ways never before seen. The threat of specific species becoming rare or extinct is dwarfed by the potential loss of entire habitats and ecosystems.
The ability of large trawlers to sweep the seas for fish and shellfish, for instance, has increased yields but at the same time depleted many areas of sea life. Sea mining is also problematic, as contracts now cover some 460,000 square miles of underwater area — back in 2000, there were zero sea mining contracts.
Then there’s Fukushima, which still hasn’t stopped releasing radioactive pollution into the Pacific Ocean. The past several years have seen multiple mass die-offs likely caused by such contamination, including thousands of seals, dolphins and other sea creatures that have washed up on shores all around the world.
Human Activity Is Leading to ‘A Major Extinction Event’ for Sea Life, Scientists Say March 18, 2015

Rapporto sul clima: solo 10 anni per salvare la Terra! October 28, 2013

Extreme Climate Change January 31, 2015




La Terra sta perdendo un’Inghilterra all’anno di foreste: ne distruggiamo ogni anno una superficie pari a 13 milioni di ettari, proprio quando il Paese della Regina. Il dato è stato evidenziato dall’ONU alla vigilia della Giornata Internazionale delle Foreste che si celebra il 21 marzo: “è un ritmo insostenibile, per costruire un futuro sostenibile e resiliente al clima dovremmo invece investire sulle foreste. Ciò richiederà un impegno politico ai più alti livelli, politiche ‘smart’, un’applicazione effettiva della legge, partnership e finanziamenti innovativi”.

La Giornata istituita dall’Onu quest’anno è dedicata al clima perché “sostenere le foreste e mitigare il cambiamento climatico sono due facce della stessa medaglia“. 

Le foreste sono il più grande raccoglitore di CO2 dopo gli oceani. Il carbonio che imprigionano equivale a circa il 10% delle emissioni globali previste per la prima metà di questo secolo, mentre la deforestazione rappresenta il 17% delle emissioni causate dall’uomo. Circa 1,6 miliardi di persone, incluse duemila culture indigene, dipendono dalle foreste per cibo, carburante, alloggi e reddito.

I tre quarti dell’acqua dolce del Pianeta vengono dai bacini delle foreste, che prevengono anche frane ed erosioni. “Gli alberi hanno la capacità di trasferire enormi quantità di acqua dal suolo all’atmosfera attraverso il meccanismo della traspirazione. Sono 20 miliardi di tonnellate di acqua al giorno, pari al volume del Rio delle Amazzoni”, spiega Gianfranco Bologna, direttore scientifico del Wwf Italia. “La deforestazione mette a rischio questo affascinante e complesso sistema, con una drastica riduzione dei meccanismi di evapotraspirazione, alterazione nella formazione delle nubi, nella dinamica delle precipitazioni e nei prolungamenti delle stagioni secche, con diffusione dei processi di aridificazione”. 

Ecco perché la lotta alla deforestazione “deve diventare un obiettivo prioritario se vogliamo combattere il cambiamento climatico”, sottolinea il Wwf, che ha messo a punto una campagna virale sui social con vignette, grafici e foto delle foreste piùbelle del pianeta, da condividere con l’hashtag #forestday


La tutela delle foreste passa anche dalla valorizzazione. “In Italia dovremmo rendere le foreste beni economici, invece oggi sono una sorta di ‘rendita parassitaria'”, dice Antonio Nicoletti, responsabile aree verdi di Legambiente. “Siamo ricchi di foreste ma di questo patrimonio non abbiamo ancora capito bene cosa farcene. Mancano strategie nazionali”. 


Per uscirne “occorre dare alle foreste un ruolo sociale”.

Allarme per le foreste della Terra: perdiamo un’Inghilterra l’anno. L’ONU: “ritmo insostenibile” 20 marzo 2015

Tropical deforestation increased by 62% over the last two decades and did not decrease as assessed by the UN, says a new study spanning the entire tropics.

A region equivalent to Sri Lanka is being lost to deforestation annually in the tropics. Tropical forests not only act as vital carbon sinks (or lungs) that take in carbon dioxide but also regulate interactions between the earth and the atmosphere.

Tropical deforestation rate up by 62% February 26, 2015


Brasil, THE CANADIAN PRESS/Biological Dynamics of Forest Fragments Project

Cutting up forests into ever-smaller bits starts a die-off of species that lasts decades — an "extinction debt" incurred today and paid by future generations, says a study on forest fragmentation.
"It's our grandchildren and maybe more," said McGill University's Andrew Gonzalez, one of the co-authors of a paper published Friday in the journal Science. "It's several generations of human beings down the line."
Biologist Gonzalez and his colleagues have published what they say is the first study that measures the extent to which development has invaded forests around the world and estimates its long-term impacts.
They found more than 70 per cent of global forests are within a kilometre of a road, field, town or other human disturbance — easily close enough to degrade forest habitat.
Specific information on Canada's rate of disturbance wasn't available. But previous studies found the eastern slopes of the Alberta Rockies have lost 6.8 per cent of their unprotected forests since 2000 and the oilsands region lost 5.5 per cent — higher deforestation rates than in the Brazilian rain forest.
The global numbers are significant, said Gonzalez.
"These are frightening numbers. We had no idea."
The study compared results from seven long-term experiments on the impacts of fragmentation from Borneo to Canada.
"No matter what kind of forest you do that in, these experiments consistently show loss of biodiversity and wholesale changes to the functioning of these ecosystems."
Even when disturbance stopped, species loss didn't. Plants and animals kept disappearing as a freshly fragmented forest slowly stabilized — a phenomenon first suggested by mathematical models in the '90s and referred to as "extinction debt."
"You incur a cost on the landscape and the final debt in terms of extinction is paid over time," Gonzalez said.
"It does compound. We get these long-term, long-lasting losses in biodiversity."
Some studies have shown it takes more than a century before a disturbed forest achieves stability.
Gonzalez noted that fragmentation effects are taking place at the same time forests are stressed by climate change. And Canada's boreal forest is experiencing some of the fastest climate change in the world.
"When you get climate change and forest fragmentation at the same time, that's quite a lethal cocktail."
Gonzalez and his colleagues want governments to do more to ensure that patches of forest remain connected through, for example, undisturbed corridors between them. France has laws stipulating that such pathways must be left.
A coalition of environmental groups has been urging the federal government to ensure at least 50 per cent of Canada's boreal forest remain protected. The region offers nesting habitat for billions of birds, some of which migrate as far south as Argentina.
Gonzalez said maintaining biodiversity and blunting the effects of climate change must be done in tandem.
"We can't treat these issues in a one-at-a-time way," he said. "In a global vision of what we can do for Canadian biodiversity, you have to address the climate problem and land use change together.
"Planting trees and reconnecting landscapes can not only improve our ability to store carbon, but also to maintain the connectivity that our biodiversity needs."

Il WWF annuncia di aver deciso di chiudere ogni dialogo con la APP (Asia Pulp & Paper) a seguito dell’uccisione di un uomo appartenente ad un villaggio immerso nella foresta della provincia di Jambi, Isola di Sumatra. L’omicidio, infatti, per il WWF è molto probabilmente legato alle situazioni di conflitto createsi con le comunità locali in quest’area negli ultimi decenni per la presenza di un’industria locale del legname e della carta che finora ha cancellato milioni di ettari di rigogliosa foresta vergine in nome del profitto

La criminalità organizzata è sempre più interessata ai traffici illeciti di natura, un mercato mondiale che smuove oltre 190 miliardi di dollari l’anno. Il WWF chiede al Ministro Martina, a cui sono affidate come Dicastero le redini per gestire le norme FLEGT ed EUTR,  di dare un serio impulso ai controlli, che per legge sono prioritariamente delegati al Corpo Forestale dello Stato, e di farsi con urgenza veloce promotore di quei Decreti applicativi utili e necessari per mettere in moto il sistema dei controlli. Questo impedirebbe al nostro paese di essere quel ‘buco nella maglia’ europea da cui rischia di transitare legname illegale o di dubbia provenienza” come il teak dalla Birmania, il wengè dal Bacino del Congo, il mogano dal Sudamerica o la carta “sporca di sangue” delle foreste indonesiane.

Occorre una precisa volontà politica ad intervenire con controlli e severe pene sulle importazioni di legname illegale o di non chiara origine contribuendo a frenare la deforestazione che sta minacciando gli ultimi serbatoi verdi di vita del pianeta.

Il business della deforestazione illegale è al centro di un rapporto choc di Greenpeace che documenta con analisi, fotografie e video, quelli che l’associazione ambientalista definisce “i crimini ambientali del colosso cartario App (Asia pulp and paper), parte del gruppo Sinar Mas, contro specie a rischio come l'albero del ramino e la tigre di Sumatra”

Greenpeace: denuncia choc contro la deforestazione 1 Marzo 2012 


A resort complex in northwest Laos targeting Chinese visitors has become a “lawless playground” for the illegal wildlife trade, ranging from tiger meat to bear paws, an advocacy group said.
Customers “can openly buy endangered species products” in the Golden Triangle Special Economic Zone on the border between Laos, Myanmar and Thailand in Laos’ Bokeo province, according to a report by the Environmental Investigation Agency.

Illegal wildlife trade booming in Laos March 20, 2015


“Nella Giornata Internazionale delle Foreste possiamo affermare che le perdite maggiori dell’ultimo decennio hanno colpito le foreste tropicali del Sud-America e dell’Africa, uccidendo o confinando intere specie animali in porzioni frammentate del proprio habitat naturale”, afferma Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva di Bussolengo e Presidente della Fondazione Arca. “Due specie su tutte possono fotografare quello che sta accadendo negli habitat maggiormente colpiti:l’Orso delle Ande e i Lemuri del Madagascar.”
Gli orsi andini sono diminuiti del 30% in trent’anni e oggi si contano meno di 20.000 esemplari in natura. Unica specie di orso sudamericano esistente, il suo habitat viene distrutto per far posto a coltivazioni estensive, ma vengono anche catturati i piccoli rimasti orfani dei genitori uccisi a causa delle predazioni. Non va meglio al lemure catta, una delle 70 specie di lemure viventi solo in Madagascar. Il suo habitat forestale è diminuito del 90% la foresta pluviale originaria. Qui il sistema è collaudato: “taglia e brucia”, per far posto alle coltivazioni di riso. E dove non arriva la deforestazione, arriva il commercio illegale.
Dei tredici milioni di ettari di foreste che vengono distrutti ogni anno secondo l’Onu infatti, gran parte sono destinati all’uso agricolo produttivo su larga scala. È una distruzione che coinvolge l’80% delle specie animali e vegetali esistenti sul Pianeta e oltre un miliardo e mezzo di persone che dipendono dalle foreste per il proprio sostentamento.
 “La chiave di tutto è offrire strumenti di sussistenza alle popolazioni locali che si trovano a vivere questo dramma – riprende Avesani Zaborra – In Ecuador sosteniamo la Fondazione Otonga, con la quale siamo riusciti ad acquistare 30 ettari di foresta da destinare ad una gestione sostenibile da parte degli indios locali e l’Andean Bear Foundation, che salva i piccoli orsi orfani a causa dell’uccisione delle madri. In Madagascar siamo presenti da dieci anni insieme al Dipartimento di Biologia e Scienze della Vita dell’Università di Torino, abbiamo creato una stazione di ricerca e tutela a Maromizaha, nella Foresta vergine degli Alberi Dragoni, dove il personale coinvolto nelle attività è selezionato tra gli abitanti dei villaggi adiacenti alla foresta.”

Il progresso indotto dalla rivoluzione industriale ha portato all’alterazione della situazione climatica mondiale, i cui effetti sono particolarmente sensibili nell’agricoltura. L’innalzamento della temperatura, la variabilità delle precipitazioni e lo spostamento delle zone climatiche temperate verso i poli hanno portato a un repentino cambiamento dei modelli di produzione e all’impoverimento della terra.

L’agricoltura è una delle prime responsabili delle emissioni di CO2 rilasciate nell’atmosfera, causa principale dei cambiamenti climatici. L’Intergovernmental panel on climate change ha definito l’impiego delle fonti fossili, l’uso irresponsabile della terra e l’agricoltura le prime tre cause dei cambiamenti climatici negli ultimi 250 anni.

A supportare questa affermazione il Climate Institute ha dimostrato che l’aumento della concentrazione di metano nell’atmosfera è dovuto alla digestione dei ruminanti, agli incendi delle foreste e alla coltivazione di riso nelle paludi, la presenza di protossido di carbonio è determinato al 70 per cento dall’uso di fertilizzanti chimici e le emissioni di CO2 all’abbattimento di foreste e boschi per convertirli a campi e pascoli.

Un recente studio delle Nazioni Unite (Onu), The contribution of agricultural foresty and other land use activities to global warming, analizza l’andamento delle emissioni in atmosfera, tra il 1990 e il 2012, individuandone le cause.

Il documento dimostra come nella prima decade le emissioni dovute alla deforestazione fossero nettamente superiori a quelle relative all’agricoltura. Successivamente, dopo l’entrata in vigore di una serie di provvedimenti per la tutela forestale, tra cui il programma Reducing emissions from deforestation and forest degradation dell’Onu, c’è stato il sorpasso: l’agricoltura ha contribuito al 12 per cento delle emissioni totali di CO2, a fronte dell’8 per cento di quelle dovute alla deforestazione.

Con il riconoscimento del 2015 come Anno internazionale del suolo e in vista delle Conferenza sul clima di Parigi è necessario rilanciare l’agricoltura sostenibile anche per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. Davanti al crescente aumento di suolo degradato (il 36 per cento del territorio agricolo) è necessario fare luce sulle responsabilità delle tecniche agricole moderne. I dati sull’inquinamento e l’impatto ambientale di queste pratiche agricole devono poter direzionare i dibattiti sul clima e suggerire un indirizzo per riformare la normativa in merito al sistema agrario.

Per questo, tornare alle pratiche agricole tradizionali significherebbe garantire una produzione alimentare a piccola scala che può raggiungere più facilmente e meglio (sotto al profilo nutrizionale) le bocche affamate del mondo.




Even as the United States government continues to push for the use of more chemically-intensive and corporate-dominated farming methods such as GMOs and monoculture-based crops, the United Nations is once against sounding the alarm about the urgent need to return to (and develop) a more sustainable, natural and organic system.

That was the key point of a new publication from the UN Commission on Trade and Development (UNCTAD) titled “Trade and Environment Review 2013: Wake Up Before It’s Too Late,” which included contributions from more than 60 experts around the world.




village of Natwarghad in the western Indian state of Gujarat

L’allarme arriva dal rapporto “World Water Development” 2015: per evitare l’emergenza bisogna tagliare gli sprechi. Senz’acqua 1,2 miliardi di persone ma l’Onu ha una ricetta per battere la sete. Il rapporto delle Nazioni Unite: puntare sulle rinnovabili e sull’agricoltura a basso impatto ambientale. Da oggi al 2030 si rischia un deficit idrico del 40%
Tra quindici anni il Pianeta rischia di affrontare un calo del 40% della disponibilità d’acqua, con conseguenze potenzialmente catastrofiche sullo sviluppo delle attività umane. A lanciare l’allarme l’Onu nel rapporto 2015 del “World Water Development”, in cui spiega che l’aumento del consumo idrico sarà dovuto alla crescita della popolazione mondiale e della domanda di beni e servizi.
Nel rapporto presentato a Nuova Delhi, in India, si legge che l’agricoltura usa già il 70% dell’acqua dolce disponibile. Una cifra che sale al 90% nei Paesi meno sviluppati, ed entro il 2050 dovrà produrre il 60% di cibo in più livello globale, il 100% in più nei Paesi in via di sviluppo. Ecco perché “il settore dovrà incrementare l’efficienza riducendo lo spreco d’acqua e aumentando la produttività delle colture”.
I prelievi di acqua dolce per la produzione energetica rappresentano ora il 15% del totale e potrebbero salire al 20% entro il 2035. Per questo serviranno sistemi più efficienti di raffreddamento degli impianti e una crescita delle fonti rinnovabili come eolico, solare e geotermico. Secondo l’Onu la domanda di acqua da parte dell’industria manifatturiera globale aumenterà del 400% tra il 2000 e il 2050.
“C’è già un consenso a livello internazionale sul fatto che l’acqua e i servizi igienico-sanitari siano essenziali al raggiungimento di molti obiettivi di sviluppo sostenibile”, scrive Michel Jarraud, a capo di Onu-Acqua e segretario generale dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale. “L’acqua è legata in modo indissolubile a cambiamento climatico, agricoltura, sicurezza alimentare, salute, uguaglianza, parità di genere ed educazione. Questo report – sottolinea Jarraud – è fondamentale per capire il ruolo dell’acqua nell’Agenda post 2015 per lo sviluppo”.

The UN’s annual World Water Development report predicts that as reserves dwindle, global water demand will increase 55 per cent by 2050. If current usage does not change, the world will have only 60% of the water it needs in 2030, it said.



Sea Ice, Northwest Passage, Nunavut, Arctic Canada. Education Images/Universal Images Group/Getty Images

I ghiacci dell’Artico (che già d’estate avevano raggiunto livelli minimi con l’apertura dei, una volta mitici, passaggi a ‘nord-ovest’ e a ‘nord-est’) per la prima volta si trovano nella medesima situazione anche d’inverno. Nella stagione più fredda appena trascorsa la loro superficie massima è stata di soli 14,5 milioni di km/q, il minimo dal 1979 quando si iniziò a fotografare con i satelliti la situazione. 

A dare l’allarme è il centro di ricerca Usa ‘National Snow and Ice Data Center’ della University of Colorado. Secondo i glaciologi Usa il picco del livello di ghiaccio è stato raggiunto nella stagione appena trascorsa (il 21 marzo inizia formalmente la primavera) il 25 febbraio, quando però mancavano all’appello 130.000 km/q di ghiacci rispetto al precedente record minimo registrato nel 2011. Ciò a causa di un mese di febbraio insolitamente ‘caldo’ in Alaska e Russia. 

Lo studio conferma un’altra ricerca, pubblicata il 10 febbraio scorso del ‘Polar Science Center’ della Universitry of Washington, secondo il quale tra il 1975 ed il 2012 lo strato dei ghiacci artici si è ridotto di ben il 65%.
The Arctic Ocean had less sea ice this winter than any year since records began. The unprecedented low brings the prospect of an ice-free Arctic a step closer.


Kuta beach, Indonesia, strewn with plastic litter. Up to 83% of waste is mismanaged in the country. Photograph: Agung Parameswara/Getty Images

The Prince of Wales has made an impassioned plea for action to end the dumping of plastics in the world’s oceans - an issue that needs to be tackled for his future grandchild.
But he remained positive saying there was a solution to the problem caused by the “throw-away society”, and that society had to move quicker to a circular economy - where “materials are recovered, recycled and reused instead of created, used and then thrown away”.
The heir to the throne spoke at a day-long conference in Washington on plastics in the marine environment, attended by David Miliband, co-chair of the Global Ocean Commission which helped stage the event.
Charles told the delegates, who met at an exclusive Washington hotel: “One issue that we absolutely cannot ignore is that of the increasing quantity of plastic waste in the marine environment.
“I was horrified to learn that, according to recent research, we collectively allow as much as eight million tonnes of plastic to enter the oceans every year.
“Today, almost half of all marine mammals now have plastic in their gut and I know I am not the only person haunted by the tragic images of seabirds, particularly albatrosses, that have been found dead, washed up on beaches after mistaking a piece of plastic for a meal.
“The fact that a recent study estimates that by 2025 there will be one tonne of plastic for every three tonnes of fish in the sea is not what I call encouraging.”
Styrofoam food containers clog a canal in Port-au-Prince, Haiti

Il Principe Carlo, coinvolto negli ultimi anni in diverse battaglie per la difesa dell’ambiente, sta provando a sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sul tema dell’inquinamento degli oceani, sempre più invasi dalla plastica.

Il Principe Carlo nei giorni scorsi è intervenuto a una conferenza sull’ambiente marino svoltasi a Washington. L’evento è stato organizzato dalla Global Ocean Commission, presieduta da David Miliband. Il Principe del Galles si è rivolto ai Governi, alle industrie e ai cittadini di tutto il mondo chiedendo uno sforzo collettivo per ripulire gli oceani dalla plastica e salvare migliaia di uccelli che ogni anno muoiono soffocati dai rifiuti e decine di specie marine in pericolo.

Il Principe Carlo si è detto inorridito dalle immagini che documentano l’inquinamento dei mari, un fenomeno che interessa ormai tutto il mondo. Le foto di isole di plastica galleggianti, di uccelli e tartarughe morte a causa dell’ingestione di buste sono infatti sempre più frequenti. 

"C’è una soluzione alla società usa e getta. Il mondo deve passare rapidamente verso un’economia circolare in cui i materiali vengono recuperati, riciclati e riutilizzati, invece di essere creati, usati e gettati via".

Ogni anno vengono riversati negli oceani ben 8 milioni di tonnellate di plastica, con gravi ripercussioni sulla fauna marina:

"Quasi la metà dei mammiferi marini presenta tracce di plastica nello stomaco e so che non sono l’unica persona spaventata dalle tragiche immagini di uccelli marini, in particolare di albatros, che sono stati trovati morti sulle spiagge dopo aver scambiato un pezzo di plastica per un pasto".

Se il mondo resterà a guardare, nel 2025 negli oceani ci sarà una tonnellata di plastica ogni tre tonnellate di pesce

Plastica: appello del Principe Carlo per liberare oceani dai rifiuti Marco Mancini 19 marzo 2015

GARBAGE APOCALYPSE February 13, 2015


A film by naturalist and author Joel Greenberg, "From Billions to None: The Passenger Pigeon's Flight to Extinction," film reveals the compelling story of the unlikely extinction of the passenger pigeon.

For millennia, the sleek long-distance flyer was the most abundant bird in North America and perhaps the world. Then, in a matter of decades, it was hunted to extinction. On Sept. 1, 1914, Martha, the last passenger pigeon in captivity, died in the Cincinnati Zoo, marking the end of the species.

This award-winning film follows Greenberg as well as scientists, artists and teachers that are drawn to this literal teachable moment and its striking relevance to conservation challenges today. 

The "de-extinction" movement and its plan to bring back the passenger pigeon, is briefly explored. Highlights include breathtaking computer-generated imagery (CGI) animation of massive flocks, as well as astonishing aerials captured by remote control quadcopters equipped with GoPro cameras.

Naturalist presents film on passenger pigeon's extinction  Mar 20, 2015


Martha, l’ultimo esemplare dei piccioni migratori, o colombe migratrici (Ectopistes migratorius) esistente sul pianeta Terra, un uccello i cui stormi oscuravano i cieli del Nord America.

Come scrive  su Yale Environment 360 Joel Greenberg, ricercatore al Peggy Notebaert Nature Museum, autore di “A Feathered River Across the Sky: The Passenger Pigeon’s Flight to Extinction” e coproduttore del documentario “From Billions to None: The Passenger Pigeon’s Flight to Extinction”, «un evento che è una pietra miliare nella storia della biodiversità. In quel giorno nel 1914, verso l’una del pomeriggio, Martha – l’ultimo piccione migratore sopravvissuto – è morta allo zoo di Cincinnati. È straordinario sapere virtualmente con certezza il giorno e l’ora in cui una specie cessa di essere un’entità vivente. Meno di mezzo secolo prima, il piccione migratore  era l’uccello più abbondante in America del Nord. Ancora nel 1860, il numero dei piccioni viaggiatori era probabilmente dell’ordine dei miliardi».

Questi volatili formavano giganteschi stormi oggi addirittura difficili da immaginare. John James Audubon, il più noto ornitologo statunitense di tutti i tempi, descrisse uno stormo di piccioni che eclissò il sole per tre giorni lungo il fiume Ohio, nel Kentucky, e altri resoconti, scritti per tre secoli e in diverse lingue, testimoniano che le colombe migratrici oscuravano il cielo per ore sorvolando le principali città degli Usa e del Canada orientali. A Fort Mississauga, nell’Ontario, vicino a Niagara on the Lake, a circa 80 miglia da Toronto, intorno al 1860, il maggiore dell’esercito britannico Ross King descrisse dettagliatamente uno stormo di piccioni migratori costituito da più di due miliardi (forse 3,7 miliardi)  di individui, eppure nella stessa area nel 1890 venivano avvistate solo alcune migliaia di colombe migratrici e il 3 aprile 1902 venne abbattuto l’ultimo Ectopistes migratorius a Laurel, nell’Indiana.

L’incredibile rapidità con la quale è stata estinta una specie che era molto più numerosa degli esseri umani, passata in 24 anni da miliardi di individui ad uno e poi a nessuno, è senza precedenti e Greenberg sottolinea che «contiene alcune importanti lezioni per il mondo d’oggi, nel quale si sta estinguendo un numero crescente di specie. Al momento della morte di Martha, l’esaurimento di tanta abbondanza in così poco tempo è stato difficile da spiegare ed accettare per le persone. C’erano i negazionisti che asserivano che le  orde di piccioni si erano tutte trasferite in Sud America, dove avevano cambiato il loro aspetto per eludere i loro inseguitori. Alcuni, come Henry Ford, accettavano la loro estinzione, ma pensavano che gli uccelli fossero annegati nell’Oceano Pacifico, mentre fuggivano verso la libertà. Teorie più plausibili inclusa la malattia, anche se non impossibili, erano del tutto senza prova, visto che non fu mai trovato un gran numero di uccelli morti (a differenza delle grotte che oggi sono piene di pipistrelli morti, vittime della sindrome del naso bianco)».

In realtà il piccione migratore è stato sistematicamente, cacciato, abbattuto e macellato e il killer potrebbe essere stata la tecnologia: l’introduzione del telegrafo e l’espansione della rete ferroviaria all’inizio degli anni 1840 ha fatto sì che le informazioni sulla presenza di grandi stormi di piccioni migratori arrivassero rapidamente, permettendo ai cacciatori di convergere sui luoghi di passaggi da tutti gli Usa, mentre la vicinanza delle stazioni ferroviarie permetteva di trasportare facilmente milioni di carcasse di volatili ai mercati del Midwest e del West. Secondo la stagione, c’erano tra i 600 ed i 3.000 cacciatori che non facevano altro che inseguire gli uccelli, ovunque apparissero, a questi si aggiungevano i cacciatori/uccellatori locali, che approfittavano di questa fonte reddito.

Anche la perdita di habitat ha svolto un ruolo nell’estinzione dei piccioni migratori, ma solo indirettamente. È vero che la concessione di terre e l’espansione dell’agricoltura hanno ridotto le aree di foraggiamento e riunione degli uccelli, rendendoli più accessibili ai cacciatori, ma anche questo non avrebbe potuto portare ad una loro scomparsa così rapida.

La spiegazione è un’altra: «Pensate agli anelli della catena della vita – dice Greenberg –  alcune delle concentrazioni di piccioni nidificanti erano incredibilmente grandi: nel 1871 la diffusione della nidificazione nel Wisconsin era in tutto 850 miglia quadrate ed erano probabilmente coinvolti 136 milioni di uccelli adulti. Ma le sparatorie, gli incendi, il taglio di alberi dove nidificavano ed altre pratiche di disturbo utilizzate dai cacciatori hanno portato molti piccioni ad abbandonare le loro nidi prima che le uova fossero deposte o pulcini allevati». Gli stessi pulcini dei piccioni erano molto ricercati e i cacciatori li mettevano in grossi barili. Se si pensa che un piccione migratore deponeva un singolo uovo il gioco è fatto: l’impatto della mortalità antropogenica è stato devastante soprattutto sui pulcini e così il crollo della popolazione comincia a diventare comprensibile. Gli adulti che sfuggivano ai cacciatori invecchiavano e morivano senza riuscire a riprodursi ed alla fine non c’erano più uccelli da abbattere o da prelevare dai nidi.

E pensare che la strage è iniziata proprio per l’abbondanza di piccioni, che li ha fatti diventare la fonte di proteina più a buon mercato in America: gli uccelli potevano essere acquistati a pochi centesimi l’uno e in alcune zone non valevano niente, tanto che venivano utilizzati come cibo per i maiali o semplicemente come rifiuti e concime. Un testimone nel 1878 riferì che dopo la strage avvenuta durante l’ultima grande nidificazione conosciuta, le carcasse dei piccioni migratori vennero utilizzate per riempire le buche nelle strade.

Nel 1900 ormai c’erano solo tre esigui gruppi di Ectopistes migratorius in cattività tutti nel Midwest. Greenberg  spiega: «Non si sa quando fosse nata Martha, ma era nata nello stormo di Milwaukee o Chicago. In entrambi i casi, discendeva certamente dagli uccelli Milwaukee e visse per un po’ a Chicago. Da lì, venne mandata nel 1902 allo Zoo di Cincinnati, dove ha condiviso la voliera con un piccolo stormo, che comprendeva un maschio di nome George. (Lo zoo utilizzò i nomi della prima famiglia presidenziale, i Washington, per denominare i piccioni migratori). Mentre passava il tempo, anche con qualche nidificazione di successo, i piccioni in cattività diminuivano, fino a quando ne rimasero solo due, George e Martha». Il 10 luglio 1910, George morì, lasciando Martha a rappresentare inconsapevolmente l’ultimo esemplare di una specie che volava in stormi di miliardi

Nei 4 anni che la separavano dalla morte, Martha si ammalò: svolazzava e camminava a malapena, ma era diventata l’attrazione dello zoo, con i visitatori che gli tiravano sassolini per  costringerla a muoversi. Poi il 1 settembre di 100 anni fa Martha si è unita al destino della sua specie, è stata congelata in un blocco di ghiaccio ed inviata alla Smithsonian dove è custodita ancora oggi.

Il sacrificio di Martha e di miliardi di suoi simili è però servito a qualcosa: ha dato altri argomenti all’allora gracile movimento ambientalista statunitense ed ha portato alla proposta di una legge federale sul prelievo dell’avifauna. La prima legge Usa del genere, il Lacey Act, fu presentata nel 1900 al Congresso da John Fletcher Lacey che la illustrò così: «È tardi, è troppo tardi per il piccione selvatico. Il bufalo è quasi una cosa del passato, ma resta ancora molto da preservare, e dobbiamo agire seriamente se vogliamo realizzare cose buone». Il Lacey Act vietava il commercio interstatale degli uccelli catturati  illegalmente. 

Martha è ancora un monito: non importa quanto abbondante sia qualcosa – che si tratti di carburante, acqua, o un organismo vivente – la possiamo perdere se non la rispettiamo in quanto risorsa vitale.

Greenberg conclude: «Ora che siamo noi più di 7 miliardi sul pianeta, più di quanti siano mai stati i piccioni migratori e più abbondanti di loro lottiamo per aumentare i nostri livelli di vita, il che comporta generalmente un maggiore consumo di risorse del mondo e le cui conseguenze stanno alterando il clima mondiale. Le innovazioni tecnologiche ci permettono di individuare e prelevare  sempre di più. Qui negli Usa potenti forze politiche stanno cercando di indebolire o smembrare le leggi ambientali. I mari vengono spogliati di tonni, squali ed altre specie bersaglio. Nel West americano le falde acquifere ei fiumi si stanno riducendo. E questa estate, i cittadini di Toledo, nell’Ohio sono stati avvisati  di non bere l’acqua dal lago Erie, anche dopo la bollitura, perché il lago era stato contaminato da livelli pericolosi di microcistina (fioriture algali legate almeno in parte a scarichi agricoli). 

La storia di Martha ci insegna che dobbiamo essere vigili e procedere con cautela. Se il piccione migratore è potuto scomparire in pochi decenni, lo stesso può accadere a tante altre delle ricchezze del pianeta, siano esse biologiche o meno, anche se ora sembrano abbondanti. E quelle  che sono rare possono svanire in un batter d’occhio».

100 anni fa moriva Martha, l’ultima dei piccioni migratori. Una lezione per l’uomo e le risorse 1 settembre 2014




Moria di uccelli e apocalisse January 11, 2011

Allen’s hummingbird pollinates flowers in Santa Anita, California, 2013 (Photo by David Levinson)


It’s not just bees, the world is losing its pollinating birds and mammals, new research shows. More pollinating bird and mammal species are moving towards extinction than away from it, finds the first global assessment of trends in pollinators.

About 90 percent of flowering plants are pollinated by animals and birds, and humans rely on many of these plant species for food, livestock forage, medicine and materials. Nine percent of all known bird and mammal species are pollinators. Among mammals, bats perform this work, pollinating a large number of economically and ecologically important plants such as agave and cacti.

Key pollinating birds include hummingbirds, honeyeaters, sunbirds and white-eyes.

The study, “Global Trends in the Status of Bird and Mammal Pollinators,” was produced jointly by the UN Environment Programme’s World Conservation Monitoring Centre, Sapienza University of Rome, BirdLife International and the International Union for the Conservation of Nature, which maintains the authoritative IUCN Red List of Threatened Species.

Lead author Eugenie Regan of the World Conservation Monitoring Centre said the research results are alarming. “It shows a worrying trend that may be impacting negatively on global pollination services, estimated to be worth more than US$215 billion.”

The assessment shows that on average, 2.4 bird and mammal pollinator species a year have moved one category towards extinction in recent decades, a “substantial increase in extinction risk” across this set of species, the IUCN said in a statement releasing the study today.

“The vast majority of pollination is carried out by invertebrates, such as bees, but unfortunately the lack of available resources for species assessments means that we cannot yet determine the global trend in the status of these pollinator species,” says co-author Michael Hoffmann, senior scientist with IUCN’s Species Survival Commission.

Habitat loss from unsustainable agriculture was found to be the main cause of decline for many species among both mammals and birds.

Pollinating mammals, such as the large-bodied fruit bats, are hunted for bushmeat, while birds are affected by invasive alien species.

During the period 1988 to 2012, 18 pollinator bird species qualified for being ‘up-listed’ to a higher threat category.




For example, the Regent Honeyeater, Xanthomyza phrygia, was up-listed from Endangered to Critically Endangered due to rapid population decline driven by drought, habitat loss caused by historic clearance for agriculture, and possibly competition with other species.

No pollinating bird species qualified for ‘down-listing’ to lower categories of threat.

Between 1996 and 2008, 13 mammal species identified as pollinators were up-listed to a higher threat category and two species qualified for down-listing to a lower category of threat.

For example, the Choco Broad-nosed Bat, Platyrrhinus chocoensis, moved from Vulnerable to Endangered due to habitat conversion to agriculture for cocoa, while among non-flying mammals the Sunda Slow Loris, Nycticebus coucang, moved from Near Threatened to Vulnerable due to harvesting for the pet trade and habitat loss.

To determine the trend in the global status of pollinating birds and mammals, the authors used the Red List Index, an established method that shows trends in survival probability over time for sets of species using data from the IUCN Red List.

The Index is based on the proportion of species that move through the IUCN Red List categories over time, either away from or towards extinction.

The authors advise that this approach now needs to be expanded to include bees, wasps  and butterflies.

Pollinating Birds, Mammals Falling Victim to Extinction Jim Crabtree March 13, 2015


La Lipu, onlus molto attiva da anni per la difesa dei volatili, assieme al Corpo forestale dello Stato, ha lanciato l’Operazione Rondò, al fine di sensibilizzare gli studenti e i cittadini sul tema. 

L'iniziativa è dedicata in particolare alle rondini, ridottesi addirittura del 40% negli ultimi dieci anni. I motivi? L'agricoltura intensiva con il relativo abuso di prodotti chimici, la sensibile riduzione delle stalle in Pianura Padana. E ancora, i cambiamenti climatici, accelerati sempre dall’uomo, soprattutto nelle aree di svernamento in Africa. Infine, il consumo di suolo. Ma purtroppo se la rondine piange, le altre specie non ridono. Anzi, stanno pure peggio. Stando a un recente report, su ventotto specie la metà è in forte riduzione. Vanno annoverati i passeri, l'allodola, la calandrella, l'averla piccola, il torcicollo e il saltimpalo. Anche essi per le tristi motivazioni prima elencate.

Insomma, a furia di deturpare la Natura, rischiamo di far venir meno anche quel mitico detto popolare “Una rondine non fa primavera”. Finirà che invece degli uccelli, in cielo vedremo svolazzare solo droni


Rondini, in dieci anni l'Europa ne ha perse il 40% 18 marzo 2015





The golden eagle, one of the best-known birds of prey in the Northern Hemisphere, may be facing extinction in Japan as environmental change and low breeding success rates have caused their numbers in the wild to plummet. The Society for Research of Golden Eagle Japan warned Monday that the amount of the Japanese subspecies Aquila chrysaetos japonica have been declining since 1986 and only 500 or so are left living in the wild.
“The biggest issue is the reduced breeding success rate due to a lack of prey,” said Toshiki Ozawa, the research society’s head, according to Kyodo News. He added that poor forest management in areas where the eagles live has led to thick vegetation which made it hard for the birds to spot potential prey such as hares.
The society started monitoring the eagle numbers since 1981 and they reported that the number of breeding pairs have fallen by a third. There were an estimated 340 pairs over 30 years ago, and 99 of the monitored pairs have died or otherwise disappeared from their territories in 2013, according to the group. Of the 241 remaining, just one was found in Kyushu, Japan’s third largest main island in the south, and none were left in Shikoku, the country’s smallest main island also in the south.
Breeding success rates have been steadily declining, down to one in five eggs hatching in 2013, or 20.2 percent. This was a drop from the 50 percent success rates recorded in the 1980s. The birds are prone to abandoning their nests when disturbed.
The public and private sectors have aimed to slow the eagles’ decline by beginning a joint experiment to thin trees in parts of a government-owned forest this fall, according to Kyodo. The Nature Conservation Society of Japan, a non-governmental organization, has collaborated with the Ministry of Agriculture, Forestry and Fisheries to thin out parts of the Akaya Forest, which stretches across 10,000 hectares in Niigata and Gunma prefectures.
While the Japanese golden eagles are facing extinction, its American counterparts’ populations have been stable over the last few decades. Golden eagles are protected in North America by federal laws, and its conservation status is considered to be of “least concern,” according to the International Union for Conservation of Nature. Compared with Japanese numbers, there are some 30,000 golden eagles across the United States.
Other animals in Japan that are also endangered include the Iriomote cat, living exclusively on the island of Iriomote with only about 100 of them remaining, and the Japanese crane, one of the rarest cranes in the world and revered in Japan as a symbol of luck and longevity. 

Japanese Golden Eagles Face Extinction With Only 500 Left In Wild  






Secondo la prima European Red List of Bees pubblicata dall’ International Union for Conservation of Nature (Iucn)  che valuta il rischio di estinzione di  tutte le specie di api selvatiche  europee, «il 9,2% sono minacciate di estinzione, mentre il 5,2% sono considerati suscettibili di essere minacciate in un prossimo futuro». Ma le specie in pericolo di estinzione potrebbero essere molte di più, visto che per il 56,7% delle specie la classificazione è quella di  “Dati insufficienti” perché la mancanza di esperti, dati e finanziamenti ha reso impossibile valutare il loro rischio di estinzione.

Il rapporto è stato pubblicato oggi come parte del progetto European Red List of Bees and the Status and Trends of European Pollinators (STEP) dell’IUcn  e finanziato dalla Commissione Europea e fornisce, per la prima volta, informazioni su tutte le 1.965 specie di api selvatiche che vivono in Europa, compresi status, distribuzione, tendenze demografiche e minacce.

Secondo Jean Christophe Vié, vice-direttore del Global Species Programme Iucn, «le api svolgono un ruolo essenziale nell’impollinazione delle nostre coltivazioni. Dobbiamo investire con urgenza in ulteriori ricerche al fine di fornire i migliori consigli possibili su come invertire il loro declino».

L’Iucn sottolinea che «la modifica delle pratiche agricole e una maggiore intensificazione dell’agricoltura hanno portato a perdite su larga scala e al degrado degli habitat delle api, una delle principali minacce alla loro sopravvivenza. Per esempio, la produzione intensiva  di insilati – a spese dl taglio del fieno – provoca perdite di praterie ricche di piante erbacee e delle prolungate fioriture stagionali, che costituiscono importanti fonti di foraggiamento per gli impollinatori. Anche l’uso diffuso di insetticidi danneggia le api selvatiche ed i diserbanti riducono la disponibilità dei fiori dai quali dipendono».
L’agricoltura e l’allevamento intensivo hanno causato un forte calo della superficie delle steppe secche, che ospitano la vulnerabile ape Andrena transitoria,  prima comune nel Mediterraneo orientale e diffusa dalla Sicilia fino all’Ucraina e all’Asia centrale. L’aratura, lo sfalcio o il pascolo di piante da fiore, così come l’utilizzo di insetticidi hanno portato a un calo della popolazione del 30% di questa specie nel corso dell’ultimo decennio ed alla sua estinzione in alcuni Paesi.
Un altro importante fattore di rischio di estinzione per la maggior parte specie di api, e in particolare per i bombi, è Il cambiamento climatico: forti precipitazioni, siccità, ondate di calore e temperature elevate possono alterare gli habitat ai quali si sono adattate le singole specie ridurre drasticamente il loro areale, portando al declino di intere popolazioni. Secondo il rapporto, il 25,8% delle specie europee di bombi sono minacciate di estinzione. I ricercatori che hanno redatto il rapporto dicono che anche l’espansione urbana e la maggiore frequenza degli incendi minacciano la sopravvivenza della specie di api selvatiche in Europa.

Lo studio contiene anche una valutazione delle api mellifere occidentali (Apis mellifera), l’impollinatore più noto che ha il suo areale originario in gran parte dell’Europa, ma non è certo se attualmente si presenta come una specie ancora selvatica o se ormai è completamente domestica. Dato che la Lista Rossa copre solo le specie selvatiche  – non addomesticate – è stata valutata come Dati insufficienti. Secondo l’Iucn, sono necessarie ulteriori ricerche per distinguere tra le colonie selvatiche e non selvatiche e per capire meglio l’impatto di malnutrizione, pesticidi e agenti patogeni sulle colonie di api.

Simon Potts, coordinatore del progetto STEP, evidenzia che «l’attenzione dell’opinione pubblica e scientifica tende a concentrarsi sull’ape mellifera occidentale come l’impollinatore chiave, ma non dobbiamo dimenticare che la maggior parte dei nostri fiori e piante sono impollinati da tutta una serie di diverse specie di api».

Il commissario europeo all’ambiente, Karmenu Vella, presentando il rapporto ha detto che «la nostra qualità della vita  e il nostro futuro dipendono dai molti servizi che la natura offre gratuitamente. L’impollinazione è uno di questi servizi».

Le api sono indispensabili sia per gli ecosistemi selvatici che per l’agricoltura. Forniscono l’impollinazione delle colture il cui valore stimato  ogni anno è di 153 miliardi di euro a livello globale e 22 miliardi di euro in Europa. Il lavoro degli impollinatori permette il 35% della produzione agricola mondiale.

Tra le principali colture coltivate per il consumo umano in Europa, l’84% richiedono l’impollinazione degli insetti per migliorare la qualità ed i rendimenti dei prodotti, come molti tipi di frutta, verdura e frutta secca. L’impollinazione è attuata da una serie di insetti, tra i quali le api domestiche, i bombi, molte altre specie di api selvatiche ed altri insetti. 

I risultati di questo rapporto evidenziano la necessità di una piena attuazione della EU 2020 Biodiversity Strategy per «arrestare la perdita di biodiversità e il degrado dei servizi ecosistemici nell’Ue entro il 2020, e consentire il loro ripristino, per quanto è possibile».

Una specie di api selvatiche su 10 e il 25,8% dei bombi a rischio estinzione in Europa 19 marzo 2015

Bees are in real danger in Europe, where up to 10 percent of species are in danger of going extinct, according to a new study. 

Currently, an estimated 1,965 varieties of the insects populate the continent, and both domestic and wild bees are essential for pollinating plants, including crops grown for human consumption.

The new report reveals that 9.2 percent of species of bees are in immediate danger of extinction, while 5.2 percent are likely to be threatened in the coming years.

Bee Species In Europe Facing Dramatic Declines, Near Extinction James Maynard March 20 2015

La scomparsa degli insetti impollinatori March 1, 2015

Death and Extinction of the Bees March 29 2014 





Ratti rampicanti, rane brasiliane e uccelli marini sono tra le 15 specie che nel mondo corrono il pericolo di un’estinzione imminente. Fanno parte di un gruppo di 841 specie altamente a rischio, che secondo uno studio internazionale potrebbero essere salvate con un investimento di 1,3 miliardi all’anno.

Un team internazionale di ricercatori, guidato dall’Università della Danimarca meridionale, ha messo a punto un ‘indice di opportunità di conservazione’, usando indicatori misurabili per determinare la possibilità di salvare una serie di specie.

I parametri presi in esame vanno dalle opportunità di proteggere gli habitat degli animali, in base ai costi, alla stabilità politica e alla probabilità di urbanizzazione delle aree interessate, fino alla possibilità di inserire degli esemplari negli zoo. Stando allo studio, pubblicato sulla rivista Current Biology, il 39% delle 841 specie prese in esame ha un’alta possibilità di salvezza, ma 15 specie rischiano l’estinzione in tempi brevi.

Tra i mammiferi sono a rischio il Lophuromys eisentrauti, un topo del Camerun, il ratto rampicante del Chiapas (Tylomys bullaris), del Messico meridionale, insieme a un altro roditore messicano, il Geomys tropicalis. Tra gli uccelli potrebbero scomparire presto l’alaudide di Ash (Mirafra ashi), un passeriforme somalo, il Monarca di Tahiti (Pomarea nigra), della Polinesia Francese, il petrello di Madera (Pterodroma madeira) e il petrello di Mascarene (Mascarene petrel), dell’isola di Riunione, insieme al fringuello di Wilkins (Nesospiza wilkinsi) dell’arcipelago di Tristan da Cunha, e all’albatro di Amsterdam (Diomedea amsterdamensis) dell’isola di Amsterdam, nei Territori australi francesi.

Tra i rettili sono in pericolo tre rane brasiliane (Bokermannohyla izecksohni, Hypsiboas dulcimer e Physalaemus soaresi), una dello Sri Lanka (Pseudophilautus zorro) e una della Colombia (Allobates juanii), oltre a una salamandra turca (lyciasalamandra billae).

Ambiente. Nel mondo 15 specie di animali rischiano l’estinzione imminente 19 marzo 2015

La lista di animali e piante a rischio estinzione si allunga tristemente ogni anno di più, ma vi sono alcune biodiversità che più di altre potremmo presto veder sparire dal nostro pianeta: nelle Red List IUCN, il più ampio database internazionale sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo, esistente da 50 anni, compaiono numerose specie in pericolo sia tra gli esemplari della flora che della fauna.

Piero Genovesi, ricercatore dell’Ispra, l’Istituto per la Protezione e la Ricerca dell’Ambiente, in un’intervista al Corriere della Sera spiega: "Purtroppo quello che osserviamo è che in questi 50 anni tutti i gli indicatori sono peggiorati. Su 5mila specie di mammiferi censite, 78 si sono estinte e 188 sono a rischio critico‘.
Nell’elenco compaiono il leopardo dell’Amur, la lince iberica, il visone europeo, e tra le piante vi sono anche alcune peculiarità tipicamente italiane quali l’abete Nebrodiensis, che vive solo sui Monti Nebrodi in Sicilia e oggi vanta appena 24 esemplari, l’Aquilegia barbaricina, un’erba perenne che vive esclusivamente in Sardegna, e una varietà di cavolo presente solo a Favignana e Marettimo, la Brassica macrocarpa.
La principale causa di queste specie in via di estinzione, senza contare quelle purtroppo che già sono scomparse dal pianeta, è la distruzione degli habitat naturali dovuta all’azione dell’uomo, compresa l’introduzione di ‘specie invasive’, oltre al disboscamento, l’intensificazione dell’agricoltura, l’inquinamento e i conseguenti cambiamenti climatici

Piante e animali a rischio estinzione: le biodiversità in pericolo  Giulio Ragni 19 Marzo 2015

Monarch butterflies face extinction risk March 16, 2015


Pangolins were in danger of becoming extinct.

"We have no accurate population census for pangolins in Zimbabwe, and indeed throughout all the range states where they occur, in both Africa and Asia" 

"We can assume that they are highly threatened with extinction due to the current rate of removal of this animal from its natural environment.

"Added to this is, there is the loss of habitat and food through encroachment of human activities and this spells disaster for a species to continue its existence unassisted."

Ms Connelly applauded the judicial system and the police for ensuring that poachers are brought to book.

"Although a firm law is deterrent, our aim is for Zimbabweans to embrace this animal as an important part of our heritage," she said. "We want to engender a spirit of conservation and protection.

Pangolins are harmless, they cannot bite and will only react aggressively if threatened.

"Their diet is exclusively ants, ant eggs and termites and termite eggs. Pangolins have officially been recognised as the most traded mammal in Asia, making them very endangered."

"In Zimbabwe we only have one species of the eight occurring worldwide and it is called a Ground Pangolin." Ms Connelly said her organisation is involved with the rescue, release and rehabilitation of the pangolin.

"We also work with Kirsty Coventry, who is officially Zimbabwe's Pangolin Ambassador," she said.

"The demand for pangolin scales and meat is very high. Ironically, pangolin scales are made of the same stuff as rhino horn called Keratin," she said.

Zimbabwe: 'Pangolins Near Extinction' 21 MARCH 2015


A rhino killed for its horn last month in Kruger National Park, South Africa. Photograph: Salym Fayad/EPA


The northern white rhino is heading the way of the dinosaurs. With only five left on Earth – three in Kenya, one in America, and one in the Czech Republic –extinction is now inevitable. It survived for millions of years, but could not survive mankind.
This is just one subspecies, but soon the planet’s remaining 28,500 rhinos could be under threat from the illegal wildlife trade. Worth up to £12bn a year, it has joined drugs, arms and human trafficking as one of the world’s biggest crime rackets. Ground zero in this “wildlife war” is Africa, and the conservationists are losing as animals are slaughtered on an industrial scale to meet demand for horn and ivory in newly affluent Asian countries.
Urgent solutions will be debated this week in Kasane, Botswana, as politicians and environmentalists gather for a follow-up to last year’s much-trumpeted London conference on the crisis. Hosted by the British government and Princes Charles, William and Harry, 46 countries signed up to a “London declaration” that promised to address corruption, adopt legislation for tougher penalties against poachers and recruit more law enforcement officers. William Hague, then the foreign secretary, announced at the time: “I believe today we have begun to turn the tide.”
More than a year later, however, when the Kasane summit reviews whether these commitments have been implemented, it seems likely that some will be found wanting. Despite a celebrity-led drive to raise awareness in China and Vietnam, where horn is coveted as an ingredient in traditional medicine or as a status symbol, a record 1,215 rhinos were killed last year in South Africa, 20% more than in 2013.
At least 220 chimpanzees, 106 orang-utans, 33 bonobos and 15 gorillas have been lost from the wild over the past 14 months, according to estimates by the Great Apes Survival Partnership. Elephants also remain under siege – at least 20,000 were poached annually from 2011 to 2013, according to the UN – although countries such as Kenya, Tanzania and Uganda have fought back with some measure of success over the past year.
“The numbers are still going up and they don’t make us any happier,” said Dr Patrick Bergin, chief executive of the African Wildlife Foundation. “The most concrete number is rhinos in South Africa. While that number is still going in the wrong direction, I don’t think we can say we’ve turned the corner.”
Arguably the biggest setback since the London conference has been the failure to arrest, prosecute and convict all but a handful of players in the transnational wildlife mafia. Bergin said he had attended one recent meeting where there was talk of progress, but “the glaring silence in the room was the lack of successful prosecutions”.
The concern is shared by Traffic, the wildlife trade monitoring network. Tom Milliken, its rhino programme coordinator, said: “In all of this, the judiciary in many countries is lagging behind the times. A white South African who was reportedly a major player in the trade and his cohorts were arrested, but got out on bail. Organised crime can have the best legal guns in the country and those involved in rhino crime are heavily lawyered up.”
South Africa, which is home to 90% of Africa’s rhinos, has appointed a panel of 21 experts to examine the viability of a legal rhino horn trade. Milliken accused it of failing to show leadership or political will. “One of the biggest disappointments has been the lack of participation and profile of South Africa,” he said. “It has a very strong conservation record historically, but it is currently the epicentre of the rhino horn trade: more are being killed in South Africa than ever before. We’re starting to see greater evidence of internal corruption in South Africa that’s aiding and abetting the trade. We’ve not seen the government stepping up.”
Four out of five rhino poachers in South Africa come from neighbouring Mozambique, one of the world’s poorest countries, where villagers are tempted by the promise of money. Cathy Dean, international director of Save the Rhino, said: “Mozambique’s record since the London conference has been abysmal. Its first report came late and is barely worth the paper it’s written on. It’s a real failure of intent.”
The scale of impunity was vividly illustrated when Bartholomäus Grill, a German journalist with Der Spiegel, went to Mozambique to investigate the supply chain from South Africa through middlemen to the horns’ ultimate buyers in Vietnam, where they fetch up to $65,000 a kilo – more valuable than gold. When he visited the home of a notorious poaching kingpin, Grill was taken hostage by an angry mob and threatened with death. Far from offering help, the local police appeared to be under the kingpin’s thumb.
Just as South Africa is hardest hit by rhino poaching, Tanzania is losing more elephants than any other country: an estimated 10,000 in 2013. Yet in contrast to South Africa’s conspicuous absence from the London conference, Jakaya Kikwete, the president of Tanzania, showed up and has been praised for toughening law enforcement over the past year. In December, Feisal Ali Mohammed, an alleged organised crime boss and leading figure in the ivory trade, was arrested by Interpol agents in Dar es Salaam.
Helen Clark, administrator of the UN Development Programme, visited the east African country after the London conference. “One of the things we were endeavouring to do in Tanzania was raise awareness among the judiciary of the seriousness of the crime and what this criminal trade is doing to Tanzania’s prospects,” she told the Observer in Abidjan, Ivory Coast, last week.
“You can do a calculation that shows that an elephant alive is worth a million dollars to the economy over the course of its life. An elephant dead gives some local – how much, a couple of hundred dollars, who knows? – which is big money for them but petty cash when it comes to overall benefits.” Clark, a former prime minister of New Zealand, added: “It does require a lot of mobilisation of local communities around positive, constructive development to stop it; otherwise people go to the guys with guns and the money to get their income.”
Politicians in Tanzania say they are aware of the need to tackle poverty. January Makamba, a minister and potential presidential candidate this year, said: “The villages that surround these sanctuaries have to somehow be taken care of in a manner that people do not feel that ‘we have to help poachers to poach so we can make a living’.
“If local communities see benefits of conservation in their livelihoods, they can be the first defenders of wildlife. Otherwise, if you take an approach where it’s necessary to bring an army and local communities look at them with suspicion, they’re part of the enemy – you occupy with the villages. That cannot be of benefit.”
Makamba added: “The issues of poaching and logging are issues of governance and poverty. Corruption is the centre of it. You deal with corruption, you are halfway to dealing with the problem of poaching.”
Whatever the shortcomings, the London conference is widely credited with raising awareness and putting the wildlife trade on the international agenda. In 2014, for the first time in years, a majority of illegal wildlife consignments were seized on African soil rather than by authorities overseas.
Prince William announced a taskforce that will work with airlines and shipping companies to stop the transport of illegal wildlife.
Earlier this month Uhuru Kenyatta, the president of Kenya – which has about 38,000 elephants today compared with 167,000 in 1973 – burned 15 tonnes of ivory to show opposition to the trade. Ethiopia followed suit, destroying its entire stockpile of ivory – an estimated 6.1 tonnes of raw tusks, carvings, trinkets and jewellery.
Meanwhile, at the demand end, Thailand has introduced sweeping laws and regulations and launched a huge public campaign against ivory involving more than a million people.
China’s engagement with the issue has been “a great leap forward”, according to one British official. A recent survey found that Chinese consumer awareness of the ivory and horn trade’s impact on African wildlife has grown rapidly over the past two years following major public awareness campaigns, featuring celebrities such as Prince William, David Beckham and actor Jackie Chan.
However Milliken, who will attend the Kasane conference on Wednesday, struck a note of caution that will not be popular with everyone. “We tend to think people will be moved by the same messages as us, but those messages could have the opposite effect,” he said. “People want to demonstrate their wealth and status. If we say rhinos have rarity value, they could say, ‘Look at me, I can get it’.
“The whole environmental community has to step back and ask, what are we trying to achieve? We have to get smarter and play a different game – maybe take our logos off. I still think there is a place for celebrities to help, but we have to be mature and realise that it only gets you so far. We can’t just haul out Madonna and think that will solve everything.”

Africa is centre of a ‘wildlife war’ that the world is losing David Smith 21 March 2015

Botswana hosts wildlife summits as elephants fight for survival Mar 21, 2015


In 40 anni scomparsa metà della fauna selvatica mondiale September 30, 2014

Moria di animali January 19, 2011

Apocalisse January 14, 2011






Oryx, giraffes and cheetahs – species once facing regional extinction – are making a robust reappearance on a desert island off the coast of Abu Dhabi. Sheikh Zayed Bin Sultan al-Nahayan, founder of the United Arab Emirates (UAE), created the remote nature reserve in 1971.  Forty years after Sir Bani Yas island received its first ‘imported’ animals, over 13,000 protected creatures now call the “Arabian Ark” home.
Twenty-five species of mammals, including striped hyenas, desert lynx, and Arabian Oryx, and 170 types of birds live on the 3,500 acre reserve.  The antelope-like oryx once roamed freely across the Arabian Peninsula but rampant hunting made the species extinct in the wild. Some remained in zoos and in small nature reserves, but conservationists believe the last remaining wild Arabian Oryx killed in the Omani desert in 1972.
An ambitious breeding program at the Arabian Ark has produced about 500 oryx and in 2011, the International Union for Conservation of Nature removed the animal from the global list of endangered species, now classifying them as ‘vulnerable’.
Other island inhabitants include Axis deer and the Arabian tahr, a small goat-like mammal indigenous to the Hajar Mountains that cross between the UAE and Oman. Sand and mountain gazelles have been “re-wilded”, a process that teaches animals raised in captivity to survive on their own. Park managers have also introduced non-indigenous animals such as the scimitar-horned oryx, the reticulated giraffe and blackbuck antelope to the island habitat.
In 2008, the reserve imported four cheetahs to help maintain a natural balance between species. They taught the captivity-bred cheetahs to hunt, mainly sand gazelles. Two years later, conservationists recorded the first cheetah cubs born on the island. Like the Arabian Oryx, the once-indigenous cheetah had become extinct in the Middle East wild by the early 1970s.
The island is 106 miles from the capital of Abu Dhabi and is accessed by boat or airplane. The Tourism Development & Investment Company (TDIC) is developing the island, which opened to the public six years ago.
The most intense scene in Racing Extinction is when the film crew gets on board a small manta ray fishing boat in Indonesia. A village fisherman stands on the bow of the boat with a long harpoon in his hand searching the water below. A giant manta ray, maybe 12 feet across and nearly flying through the ocean, surfaces just ahead of the speeding boat. A second later the fisherman lunges into the water, his full bodyweight on the harpoon as it stabs the giant manta ray in the back. Blood fills the water as the ray fights and flails. The film jumps an hour forward as the huge dead animal is hauled atop the boat.
What Racing Extinction does before and after this scene is what sets the film apart from other documentaries such as its predecessor, The Cove. Back on shore, the filmmakers show scenes of dozens and dozens of dead manta rays in just one day of fishing on this Indonesian island—it is an apocalypse, a type of species genocide, that is played out day after day on manta rays and other endangered species across the planet. The film jumps to other scenes of tens-of-thousands of shark fins in Chinese markets, bags and bottles full of endangered species body parts and oils for sale in markets worldwide, all while discussing the holocaust that humans are wreaking on the non-human world across the planet.
Racing Extinction then goes a step farther than just chronicling how human avarice and greed are purposely killing and profiting from the endangered species trade. The film delves deeply into the climate crisis and how it will likely lead to making many of Earth’s species endangered, especially those in the increasingly acidic oceans. Coral reefs dissolve and die before your eyes on the screen and hi-tech carbon-dioxide-sniffing cameras film the exhaust of the millions of planes/trains/automobiles polluting the oceans.
More importantly, Racing Extinction does not just chronicle the potential apocalypse, it also offers some hopeful outcomes and a path forward for everyone to take action. The same genocide that occurred with manta rays on the Indonesian island is now being replaced with a tourism industry that focuses on protecting and restoring the ocean and its species. The OPS team has been helping to educate children in that Indonesian fishing village and develop a tourist trade to replace the slaughter. Further, the entire film and its website is a call to action for people to engage and make a difference.
In the trailer to the film, Louis Psihoyos says, “If you can reach people, you can change them.” Racing Extinction is a big-screen attempt to reach people—not just environmentalists and the eco-choir—but also reach children, adventure seekers, educators, decision-makers and people who care of all ages.

Amy Seidl, an evolutionary biologist, notes: "Climate change is no longer a consequence of our industrialization; it is a crime against humanity." Biologist Roger Payne gives us specific examples: the slaughter of whales, the effect of water shortages on large groups of people, the melting of glaciers, the destruction of coral reefs, and the threat to the ocean plankton at the base of the oceanic food chain on which billions of people depend for protein. What we need, he adds, is a new story because the present one — the Earth was made for us and we can do what we want with it — is killing us.
James Gustave Speth, an environmental lawyer and advocate, points out that our political leaders have not only dropped the ball on this, they have hidden the ball. Capitalism, with its focus on profits and progress and greed, has failed us.
Bill McKibben, a religion writer, acknowledges that climate change is a complex problem because it is global and influenced by economics and politics. He hopes we can make the politics change as fast as the physics and chemistry are changing. He concludes: "I think we have a chance. The game is not yet over and the outcome is not yet clear. But it isn't going to happen automatically. The only hope is to build a big movement." McKibben's organization 350.org is the organizer of the People's Climate Change March happening in New York City on September 21, 2014. 
"The anthropologist Richard Leakey has warned that 'Homo Sapiens might not only be the agent of the sixth extinction, but also risks being one of its victims.
A TAVOLA CON L'ESTINZIONE Olio, banane e sushi a rischio MARCH 10, 2015

ECO-APOCALYPSE (NOW) 25 FEBBRAIO 2008












No comments:

Post a Comment

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...